Concetti basilari della scienza
Abbiamo spesso sentito sostenere che le scienze dovrebbero essere fondate su concetti basilari chiari e nettamente definiti. In verità, nessuna scienza, neanche la più esatta, comincia con tali definizioni. Il vero inizio dell’attività scientifica consiste piuttosto nel descrivere i fenomeni e quindi raggrupparli, classificarli e correlarli. Già allo stadio di descrizione non è possibile evitare di applicare certe idee astratte al materiale in questione, idee queste che derivano da qualche parte, ma che certamente non sono basate unicamente sulle nuove osservazioni. Tali idee – che in seguito diverranno i concetti basilari della scienza – sono ancora più indispensabili quando il materiale viene ulteriormente elaborato. Dapprima esse devono necessariamente possedere un certo grado di indeterminatezza; non si può neanche considerare una chiara delimitazione del loro contenuto. Finché queste idee rimangono in questo stato, noi arriviamo a capirne il significato facendo spesso riferimento al materiale di osservazione da cui sembrano essere scaturite, ma al quale, in realtà, sono state imposte. Così, a rigor di termini, esse non sono che convenzioni, benché tutto dipenda dal fatto che non sono scelte arbitrariamente, ma determinate in dipendenza dai loro rapporti significativi col materiale empirico, rapporti che noi intuiamo anche prima di poterli riconoscere e dimostrare.

Crediti
 Sigmund Freud
 Pinterest • Juan Gris  • 




Quotes per Sigmund Freud

Le emozioni inespresse non moriranno mai. Sono sepolte vive e usciranno più avanti, in un modo peggiore.

Essere completamente onesti con sé stessi, è un buon esercizio.

Dove insorge un sintomo, la troviamo anche un'amnesia, una lacuna mnestica.

La storia della civiltà umana mostra, al di fuori d'ogni dubbio, che esiste un intimo rapporto tra la crudeltà e l'istinto sessuale. La sessualità della maggior parte degli uomini si rivela mescolata ad una certa aggressività, all'inclinazione alla sopraffazione, il cui significato biologico potrebbe risiedere nella necessità di superare la resistenza dell'oggetto sessuale anche diversamente che con gli atti di corteggiamento.

L'avvenire forse ci insegnerà ad influenzare direttamente, con speciali sostanze chimiche, le quantità d'energia e la loro distribuzione nell'apparato psichico (…) probabilmente il futuro stabilirà che l'importanza della psicoanalisi come scienza dell'inconscio oltrepassa di gran lunga la sua importanza terapeutica.