Condannato alla commedia
Un uomo che desidera ciò che è grande, considera chiunque egli trovi sulla propria strada o come mezzo o come ritardo e impedimento – o come momentaneo divano. La nobile bontà, che gli è caratteristica verso i propri simili, è possibile soltanto se egli ha raggiunto la propria meta e domina. L’impazienza e la sua coscienza di essere sempre stato, fino a quel momento, condannato alla commedia – poiché anche la guerra è una commedia e la cela, come ogni mezzo cela lo scopo -, gli rovinano ogni relazione: questo tipo d’uomo conosce la solitudine e ciò che essa ha in sé di più velenoso.

Crediti
 • Friedrich Nietzsche •
 • Al di là del bene e del male •
  • Cos'è aristocratico? •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il Codice di Hammurabi
613% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯

Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
305% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯

 ⋯ Il caso Nietzsche
298% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Sapere di non essere
267% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

 ⋯ Delle tavole antiche e delle nuove
185% FilosofiaFriedrich Nietzsche
1. «Qui io siedo ed attendo; mi circondano vecchie tavole infrante, e nuove tavole a metà scritte. Quando giunge la mia ora? — L’ora del mio tramonto, della mia distruzione; giacché una volta ancora io voglio discendere tra gli uomini. Ecco quello che att⋯

 ⋯ Recensione di Pier Paolo Pasolini
170% ArticoliPier Paolo Pasolini
Un giovane uomo di ventitré anni – un bel ragazzo anche se così pallido e magro – è traumatizzato dall’amore della madre (e per ampliazione, della sorella). La situazione è, per noi, classica: si tratta di una passione infantile edipica. Egli è rimasto im⋯