⋯
Ho incontrato Napoleone. Fuggiva dalla Russia e mi ha chiesto di cucirgli un bottone dei pantaloni. Era un bottone d’oro, per fortuna non lo aveva perduto. Mentre cucivo accanto al fuoco lui guardava lontano, fuori dalla finestra. Non so che cosa vedeva, fuori c’è solo il muro, fingeva di vedere. Allora gli ho detto, Napoleone siediti un po’ vicino a me, vieni a riscaldarti al fuoco. E lui è venuto. E lo fissava come cercasse qualcosa che io non riuscissi a vedere. Gli ho chiesto: che cosa cerchi Napoleone? Niente. Vedi qualcosa? Niente. Allora sei pazzo, visto che non sei cieco. Ti prego raccontami qualcosa! Una storia d’amore, una battaglia, una vittoria. Non mi ricordo niente. Ma come niente, io mi ricordo tante cose! C’è anche una poesia che studiavo a scuola. Parlami di Waterloo, di Marengo. Come se non avesse mai vissuto. Così ho deciso di raccontargli la storia della sua vita: i suoi amori, le sue sconfitte, le sue vittorie, né belle né brutte ma tutte false. Allora lui ha cominciato a piangere e io pure piangevo. Gli ho preso la mano per stringerla e l’ha tirata via, come tutti gli altri uomini, Napoleone. E poi se ne è andato. Ma prima di andarsene si è rimesso posa davanti alla porta. La celebre posa. E l’ho visto allontanarsi sotto la neve. I passi sempre più pesanti. E poi è diventato un pupazzo di neve. È rimasto lì tutto l’inverno e in primavera si è sciolto.

Crediti
 • Marco Bellocchio •
 • La visione del Sabba •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Place du Châtelet - LLo sconosciuto
43% CinemaJean-Luc Godard
. «Però sarebbe piacevole vivere senza parlare!» Ha letto i Tre moschettieri? Ho visto il film. Perché? Vede. La c’era Portos. Però non era nei Tre Moschettieri, era in Vent’anni dopo. Portos grande, forte, un po’ stupido. Non ha mai pensato in vita sua, ⋯
Straziami ma di baci sazziamiStraziami ma di baci sazziami
40% Anna Maria TocchettoCinemaGiancarlo Buonofiglio
La Recensione de Nuatri Io e Anna Maria ce semo visti il film Straziami ma di baci saziami. Stemo ancora ridenne e mo ve lo raccontemo. Anna è marchiggiana doc (o marchisciana) e io ce sto a provà, ché a me quella lingua me piace tanto. L’hai visto il fil⋯
 ⋯ Il periodo delle domande
18% CinemaWim Wenders
Quando il bambino era bambino, se ne andava a braccia appese. voleva che il ruscello fosse un fiume, il fiume un torrente, e questa pozza il mare. Quando il bambino era bambino, non sapeva d’essere un bambino. per lui tutto aveva un’anima, e tutte le anim⋯
 ⋯ Monologo di V
17% Alan MooreCelebriCinema
Alcuni vorranno toglierci la sicura, sospetto che in questo momento stiano strillando ordini al telefono e che presto arriveranno gli uomini armati. Perché? Perché, mentre il manganello può sostituire il dialogo, le parole non perderanno mai il loro poter⋯
Egon Schiele ⋯ The wavesCos’ha la morte che non va?
14% CinemaSchiele ArtTom Shadyac
‘ Di cosa abbiamo così mortalmente paura? Perché non trattare la morte con un po’ di umanità e dignità e decenza e, Dio non voglia, perfino di umorismo? Signori, il vero nemico non è la morte. Vogliamo combattere le malattie? Combattiamo la più terribile d⋯
Siamo noi a decidere chi siamoSiamo noi a decidere chi siamo
14% CinemaRichard Linklater
Io temo che stiamo perdendo la capacità del vivere la vita con passione, di assumerci la responsabilità di quello che siamo, la capacità di raggiungere dei risultati e di sentirci soddisfatti della vita. L’esistenzialismo viene spesso trattato come una fi⋯