⋯
La voce del vento chiama il vento che non risponde. Il sogno è volato lontano; sul prato verde si distende l’angoscia muta. Tranquillità spenta della sera morta: non essere presente, non essersi esposti, non aver cavalcato il campo di battaglia che sempre ci chiama. La barca non è naufragata, non c’era: miraggio di una sera, come le pietre che erano stelle. Non nostalgia della vita buona, non la verità del dolore, non la solitudine silenziosa del cuore donato. La sera è nebbia. Che cerca l’anima nel tramonto? Il sole si è perduto; la primavera non bacia la terra. La luce dell’anima non risuona, le parole del cuore non hanno luce. Gli alberi non conservano più le antiche canzoni sulle foglie marcite. Il vento non conversa con i fiori recisi. Così si perde a Waterloo.

Crediti
 • Anonimo •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ La sofferenza dell’essere bella
52% Alessandro BariccoFrammenti
Elena è una donna sola che vuole tornare a casa. Stanca di essere guardata, di essere additata come causa primordiale di tutte le sciagure o come causa di morte di migliaia di persone, accecate dal vapore velenoso del suo splendore. Ogni volta che si affo⋯
⋯  ⋯Sexistenza
43% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
⋯  ⋯La scia dell’umano…
40% Filippo de PisisFrammenti
Una serie di punti apparenti, che sempre si convertono in dei punti a capo.  • Anna Maria Non l’atto è prima della potenza, non l’essere è prima del possibile, ma questo – il possibile, il possibile non la potenza – è prima del mondo, dell⋯
⋯  ⋯Diventando ombre
39% FrammentiJames Joyce
Il laccio di una sottoveste penzolava fino al pavimento. Uno stivaletto stava dritto, con la parte superiore floscia all’ingiù: l’altro giaceva su un fianco. Si meravigliò del tumulto di emozioni di un’ora prima. Da cosa era derivato? Dalla cena delle zie⋯
⋯  ⋯Tirannia, Democrazia e Anarchia
38% FrammentiMaksim Gorkij
La Terra è il teatro di una lotta tra il Nero e il Rosso. La forza del Nero è la sua sete insaziabile di regnare sugli uomini. Crudele, avido e cattivo egli ha disteso sul mondo le sue ali pesanti e avviluppato tutto il globo nell’ombra gelida del suo ter⋯
Stefan Zsaitsits ⋯ White SocksPer cosa piangeva?
37% Fëdor DostoevskijFrammenti
La sua anima piena di entusiasmo estatico agognava la libertà, lo spazio, la vastità. Su di lui ampia, sconfinata, si rovesciò la cupola celeste, colma di quiete stelle scintillanti. Dallo zenit fino all’orizzonte si biforcava la Via Lattea, ancora indist⋯