Così trovammo l’alfabeto
L’amore fra noi lo inventammo
come in una prigione
due detenuti inventano
un telegrafo di segni mediante
battimenti sul muro,
strofette canticchiate
da una finestra all’altra,
messaggi sibillini scritti
su rotolini di carta.
Così cercammo,
così trovammo l’alfabeto
e la grammatica
di una lingua che non c’era.

Crediti
 • Gesualdo Bufalino •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ I tulipani
30% PoesieSylvia Plath
Il mio corpo è un ciottolo per loro, lo accudiscono come l’acqua accudisce i ciottoli su cui deve scorrere, lisciandoli piano. Mi portano il torpore nei loro aghi lucenti, mi portano il sonno. Ora che ho perso me stessa , sono stanca di bagagli — la mia v⋯

 ⋯ I poveri si erano venduti
23% Ascanio CelestiniPoesie
I poveri erano così tanto poveri che presero la loro fame e la misero in bottiglia e se la andarono a vendere. Se la comprarono i ricchi, i ricchi che nella vita avevano mangiato di tutto, dal caviale ripieno all’ossobuco di culo di cane allo spiedo. Però⋯

Donata WendersC’era una volta un piccolo scaffale
18% Eugenio MontalePoesie
Poiché la vita fugge e chi tenta di ricacciarla indietro rientra nel gomitolo primigenio dove potremo occultare, se tentiamo con rudimenti o peggio di sopravvivere, gli oggetti che ci parvero non peritura parte di noi stessi? C’era una volta un piccolo sc⋯

⋯ Turi Avola ⋯A stento decifro i segni
18% Blaga DimitrovaPoesie
Li tiro fuori al risveglio dal fondo dei sogni. La mia mano ha graffiato, libera nell’oscurità. A stento decifro i segni come iscrizioni runiche. Mi sono inviata da sola messaggi da un altro luogo. E il mattino si rischiara con la loro mancanza di chiarez⋯

Egon Schiele ⋯ Mettiamo che abbiate ragione
17% Massimiliano M. VillonePoesieSchiele Art
Una ventina di vaccini, fin da piccolo. Imparare a memoria le tabelline e tutto il resto. Proseguire negli studi fino all’università senza mettere in discussione Darwin, Cartesio, Newton e tutti gli altri. Evitare sostanze, arte d’avanguardia, musiche str⋯

Irena Chrul ⋯ Muro di sostegno
17% Edmond JabèsPoesie
E se il muro fosse un foglio bianco? Muro di sostegno. Scendiamo i gradini di una scala su cui poco prima, e non senza sforzo, ci eravamo inerpicati. E se scrivere fosse questa discesa ancora impregnata, per noi, del ricordo della lenta salita che l’ha pr⋯