Egon Schiele  ⋯

Con il nostro modo di pensare e i nostri atteggiamenti ci costruiamo la felicità o l’infelicità.


Crediti
 • Paul Verlaine •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Le facoltà di un corpo non-pensante
104% Gilles DeleuzeSchiele Art
«Datemi dunque un corpo»: è la formula del capovolgimento filosofico. Il corpo non è più l’ostacolo che separa il pensiero da se stesso, ciò che il pensiero deve superare per arrivare a pensare. Al contrario è ciò in cui affonda o deve affondare, per ragg⋯
Egon Schiele ⋯ Self-portraitSolo dall’interno possono venire
87% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Nel campo teoretico lo stolto dogmatismo ha voluto spiegare tutto con rapporti tra gli oggetti, soprattutto con il principio di ragione sufficiente: a un dio faceva fabbricare il mondo, decidere sugli uomini, eccetera. I saggi Indiani partivano dal sogget⋯
Egon Schiele ⋯ Della virtù che rimpiccolisce
75% ArticoliFriedrich NietzscheSchiele Art
Zarathustra fu di nuovo sulla terra ferma, non corse subito alla sua montagna e alla sua grotta, ma fece molte strade e domande e si informò di questo e di quello, così che diceva a se stesso scherzando: ‹‹Ecco un fiume, che per mille curve rifluisce alla⋯
Egon Schiele ⋯ Soli e diversi
66% Natalia GinzburgSchiele Art
Ora noi possiamo sentirci, in mezzo alle comunità, soli e diversi, ma il desiderio di rassomigliare ai nostri simili e il desiderio di condividere il più possibile il destino comune è qualcosa che dobbiamo custodire nel corso della nostra esistenza e che ⋯
Egon Schiele ⋯ La coscienza felice e infelice
58% Louis LavelleSchiele Art
C’è in ognuno di noi un’aspirazione verso una felicità che deve essere totale sotto pena di non essere, che non può consistere che nel possesso di tutto, e che sarebbe quindi contraddittorio supporla raggiunta perché non potrebbe esserlo che nell’annienta⋯
Egon Schiele ⋯ La nostra vita interiore ci è sconosciuta
58% Irvin YalomSchiele Art
Quando Schopenhauer era in vita la psicoterapia non era ancora nata, e tuttavia nei suoi scritti c’è molto di pertinente con la terapia. La sua opera maggiore, “Il mondo come volontà e rappresentazione“, cominciava con una critica e un ampliamento di Kant⋯