Egon Schiele ⋯

Il pidocchio delle piante mangia l’erba, la ruggine il ferro, la menzogna l’anima.


Crediti
 • Anton Pavlovic Cechov •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Portrait of Eduard Kosmack, sittingL’ignoranza nell’anima di chi si è ingannato
87% PlatoneSchiele Art
Si può benissimo dunque chiamare questa « vera menzogna », l’ignoranza intendo nell’anima di chi si è ingannato; ché la menzogna che ha luogo nelle parole è solo una imitazione di quel che accade nell’anima, una fittizia sembianza che nasce in un secondo ⋯
Egon Schiele ⋯ Reclining Nude Girl in Striped SmockNon accumulate ricchezze in questo mondo
83% San MatteoSchiele Art
Qui i tarli e la ruggine distruggono ogni cosa e i ladri vengono e portano via. Accumulate piuttosto le vostre ricchezze in cielo. Là, i tarli e la ruggine non le distruggono e i ladri non vanno a rubare. Nessuno può servire insieme Dio e il denaro. Perci⋯
Selbstportrait of  Egon SchieleLa primavera era primavera anche in città
60% Lev Nikolàevič TolstòjSchiele Art
Per quanto gli uomini, riuniti a centinaia di migliaia in un piccolo spazio, cercassero di deturpare la terra su cui si accalcavano, per quanto la soffocassero di pietre, perché nulla vi crescesse, per quanto estirpassero qualsiasi filo d’erba che riusciv⋯
Egon Schiele ⋯ Pensiero che commuove
60% Jack LondonSchiele Art
La bellezza ha un significato ma io non lo conoscevo fino a poco tempo fa. La accettavo semplicemente così come fosse senza senso, come qualcosa di bello e basta, senza una logica. Non sapevo nulla sulla bellezza ma ora lo so. L’erba mi appare molto più b⋯
Egon Schiele ⋯ Ritratto di Leopold CzihaczekPerché non te ne vai?
52% Fëdor DostoevskijSchiele Art
E anche le lacrime di prima che non ho saputo trattenere davanti a te, come una ridicola donnetta, non te le perdonerò mai! E anche tutto questo che ti sto confessando, non te lo perdonerò mai. Sì, soltanto tu devi rispondere di tutto ciò, perché mi sei c⋯
Egon Schiele ⋯ La morte e la ragazzaA furia di viltà
43% Emil CioranSchiele Art
Poiché il mal di volontà è per giunta piacevole, di buon grado ci si abbandona ad esso. Niente di più dolce che trascinarsi al di qua degli avvenimenti; e niente di più ragionevole. Ma senza una buona dose di demenza, nessuna iniziativa, nessuna impresa, ⋯