Credere per sopravvivere
C’è bisogno di credere per sopravvivere, la vita è sempre un’altra storia, quella che non si può raccontare e che storia non è, ma che si cerca di afferrare o comprendere, raccontandosi storie appunto.

Crediti
 • Anonimo •
 • Pinterest • Paul Apalkin  •  •

Similari
⋯  ⋯Il filo nero della storia
96% AnonimoArticoliSocietà
Che senso ha riproporre oggi testi rivoluzionari del passato, pubblicare scritti e documenti sui movimenti rivoluzionari o sulle rivolte di un tempo? Secondo alcuni nessuno, essendo stata ogni prospettiva rivoluzionaria sconfitta dalla storia, per cui ogn⋯
  ⋯ Storia come somma di tutte le storie
59% Cormac McCarthyPercorsi
Perché questo mondo che ci pare una cosa fatta di pietra, vegetazione e sangue non è affatto una cosa ma è semplicemente una storia. E tutto ciò che esso contiene è una storia e ciascuna storia è la somma di tutte le storie minori, eppure queste sono la m⋯
 Jacques-Luis David Il grande professore di diritto pubblico
39% Loris ZuttionPercorsi
Napoleone Bonaparte ha avuto la sorte, non molto usuale per i protagonisti della storia, di trovare nel più grande filosofo del tempo, Georg Wilhelm Friedrich Hegel, l’autorevolissimo interprete a livello ideologico, della sua azione pratica. Fin dai temp⋯
⋯ Paul ApalI fatti della propria vita
34% PercorsiSándor Márai
Alle domande più importanti si finisce sempre per rispondere con l’intera esistenza. Non ha importanza quello che si dice nel frattempo, in quali termini e con quali argomenti ci si difende. Alla fine, alla fine di tutto, è con i fatti della propria vita ⋯
 ⋯ La conversazione
33% Erich FrommPercorsi
La differenza tra le modalità dell’avere e dell’essere, può essere facilmente illustrata da due esempi di conversazione. Prendiamo uno scambio di idee tipico tra due uomini, A il quale ha l’opinione x, e B il quale ha l’opinione y. Ciascuno dei due si ide⋯
Paul Apalkin ⋯ Andare da nessuna parte
32% PercorsiSylvia Plath
E io tutta stupidità e franchezza: quanto siamo scemi ad amare davvero. Senza imbrogliare. Senza doppi giochi. È terribile voler andarsene e non voler andare da nessuna parte.