Critica di tutte le mistificazioniC’è una disciplina, al di fuori della filosofia, che si proponga la critica di tutte le mistificazioni, qualunque ne sia l’origine e lo scopo? Mettere in discussione tutte le finzioni senza le quali mai le forze reattive predominerebbero. Denunciare nella mistificazione quella mescolanza di bassezza e stoltezza, che dà luogo così efficacemente alla strabiliante complicità delle vittime e degli autori. Fare, insomma, del pensiero qualcosa di aggressivo, attivo e affermativo. Formare uomini liberi, ossia uomini che non confondano gli scopi della cultura con l’interesse dello Stato, della morale o della religione. Combattere il risentimento, la cattiva coscienza che sostituiscono in noi il pensiero. Vincere il negativo e i suoi falsi prestigi. Chi ha interesse a tutto questo, eccetto la filosofia?

Crediti
 Gilles Deleuze
 Nietzsche e la filosofia
 SchieleArt •   • 




Quotes per Gilles Deleuze

Klee affascina e suscita una sorta di bellezza assoluta: il giardino canta. Come ha fatto? Credo che sia riuscito a produrre una completa penetrazione tra segni e figure. Ma come? In una dimensione altra da quella del quadro: la musica. Klee è il pittore musicista. C'è un'altra dimensione non data e in essa il giardino canta.

Nello spazio neo-gotico dei film dell'orrore, Terence Fisher porta all'estremo quest'autonomia dell'immagine-affezione allorché fa perire Dracula inchiodato al suolo, ma in congiunzione virtuale con le pale di un mulino in fiamme che proiettano l'ombra di una croce proprio sul luogo del supplizio (Le spose di Dracula).

Non ci manca certo la comunicazione, anzi ne abbiamo troppa; ci manca la creazione. «Ci manca la resistenza al presente».

La parola d'ordine: divenire impercettibile, fare rizoma e non mettere radici.

In ogni istinto, la verità ha preso la forma di un'illusione per agire sulla volontà. Diffidate dei sogni degli altri, se siete presi nel sogno di un altro, siete finiti.