Della modificazione delle cose attraverso la parola
Il freddo, così come lo si chiama dopo averlo riconosciuto da altri effetti ambienti, entra nell’onda, e questa è sostituita dal ghiaccio. Similmente gli occhi, con una sola mossa, si adattano a una nuova estensione: grazie a un movimento d’assieme, chiamato l’attenzione, per cui un nuovo oggetto è fissato, catturato. È questo il risultato di un’attesa, della calma: un risultato e al tempo stesso un atto: insomma, una modificazione. In una, diciamo ancora, onda, in un assieme informe che riempie il proprio contenuto, o che almeno ne sposa fino ad un certo livello la forma – per effetto dell’attesa, d’un adattamento, d’una sorta di attenzione d’egual natura ancora, può entrare ciò che provocherà la sua modificazione: la parola. Sarebbe dunque la parola la condizione di rigore per le cose dello spirito, la loro maniera di mantenersi diritte fuori del contenente. Una volta acquisito ciò, si avrà la possibilità e il piacere di studiarne con calma, minutamente e diligentemente le singole qualità. La più notevole salta subito agli occhi: una specie di piena, di aumento di volume del ghiaccio in rapporto all’onda, e la rottura, per causa sua, del contenente già forma indispensabile.

Crediti
 Francis Ponge
 Pinterest •   • 




Quotes per Francis Ponge

Propongo ad ognuno l'apertura di trappole interiori, un viaggio nello spessore delle cose, un'invasione di qualità, una rivoluzione o sovversione paragonabile a quella compiuta dall'aratro o dalla pala, allorché, improvvisamente e per la prima volta, vengono portati alla luce milioni di particelle, di pagliuzze, di radici, di vermi e di animaletti, fino a quel momento seppelliti. O risorse infinite dello spessore delle cose, restituite dalle risorse infinite dello spessore semantico delle parole!