Dell'inferno e del cielo

All’Inferno di Dio non serve il fuoco e il suo splendore. Quando suoneranno le trombe del Giudizio Universale, quando si squarcerà la terra e i popoli risorgeranno dalla loro polvere ubbidienti alla Bocca inappellabile, gli occhi non vedranno i nove cerchi della montagna inversa, né la pallida distesa di asfodeli incorruttibili dove rincorre l’ombra del cerbiatto, né la lupa di fuoco che nel grado più basso degli inferni musulmani è anteriore ad Adamo e ai castighi, né i violenti metalli né la tenebra visibile di Milton. Non sarà un labirinto odiato di straziante fuoco o di triplice ferro a punire le sbalordite anime dei reprobi. E né ha in serbo la fine degli anni un remoto giardino. A Dio non servono per allietare i meriti del giusto sfere di luce, teorie concentriche di troni, potestà e cherubini, né lo specchio illusorio della musica né i profondi recessi della rosa né il funesto splendore d’una sola delle Sue tigri, né il soave giallo del sole che tramonta nel deserto né il gusto antico, nativo dell’acqua. Non ha giardini o luce di speranza o di memoria la pietà di Dio. Nel cristallo di un sogno ho indovinato l’Inferno e il Cielo che ci son promessi: quando le ultime trombe suoneranno il Giudizio e il pianeta millenario sarà annientato e brusche crolleranno, o Tempo, le tue effimere piramidi, i colori e le linee del passato disegneranno un volto nella tenebra, dormiente, inalterabile, fedele (quello della tua amata forse o il tuo) e la contemplazione di quel volto immediato, incessante, incorruttibile, puro, sarà per i reprobi Inferno, sarà per i prescelti Paradiso.

Crediti
 • Jorge Luis Borges •
 • Pinterest • Alfred Eisenstaedt  •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
328% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

Da Zarathustra a KhomeiniDa Zarathustra a Khomeini
310% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯

 ⋯ Sapere di non essere
266% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

 ⋯ Il mercantile
240% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

 ⋯ Il Deserto
212% Anna Maria TocchettoArticoli
Vivere certo, è un po’ il contrario di esprimere. Secondo i grandi maestri toscani, è testimoniare tre volte, nel silenzio, nella fiamma e nell’immobilità. Ci vuole molto tempo per capire che i personaggi dei loro quadri, si incontrano ogni giorno nelle v⋯

 ⋯ Il Codice di Hammurabi
197% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯