Tesaurizzazione
È la sottrazione di denaro alla circolazione e la sua «cristallizzazione» come tesoro.

Secondo Marx, è un fenomeno che appare necessariamente con lo sviluppo dello scambio ed è parallelo alla stessa comparsa del denaro.

Nel processo di tesaurizzazione la merce viene venduta non per comprarne dell’altra, ma per sostituirla con denaro: viene cioè cambiata la forma di merce in forma di denaro e «questo cambiamento di forma diventa, da semplice intermediario del ricambio organico, fine a sé stesso». Il denaro come tale non ha praticamente valore d’uso: l’oro non è ricercato che in misura trascurabile, allo scopo di farne strumenti o ornamenti. Viene ricercato e ammassato perché incorpora valore di scambio, perché è lavoro materializzato.

L’usura è una delle forme tipiche della tesaurizzazione e può essere considerata come una delle premesse storiche del sorgere del capitalismo, anche se non in senso strettamente cronologico: «Soltanto dove e quando sussistono le altre condizioni del modo di produzione capitalistico, l’usura costituisce uno dei fattori che concorrono alla formazione del nuovo modo di produzione, rovinando da un lato i signori feudali e la piccola produzione, dall’altro lato centralizzando le condizioni del lavoro e trasformandole in capitale» Marx, Il Capitale, libro III, p. 695.

Nella società capitalistica la tesaurizzazione non sussiste più in forma autonoma, come nel periodo precedente, ma diventa un momento del processo di accumulazione, precisamente quello della formazione del capitale monetario da impiegare nel processo produttivo. Può anche, naturalmente, rimanere un fine soggettivo del capitalista: ma anche in questo caso lo scopo determinante è quello dell’accumulazione.

«Mentre la tesaurizzazione, come forma autonoma di arricchimento, scompare col progredire della società borghese, essa cresce, viceversa, di pari passo con esso, nella forma di fondi di riserva dei mezzi di pagamento» ivi, libro I, p. 174.


Crediti
 Autori Vari
 Dizionario enciclopedico marxista
  www.resistenze.org
  a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare di Torino
 SchieleArt •   • 




Quotes per Autori Vari

Il murale Gloriosa Victoria, di Diego Rivera, è un'opera che mette in scena l'intervento della CIA in Guatemala, attraverso il Movimento di liberazione nazionale, che ha innescato la caduta del governo di Jacobo Arbenz.

Il governo degli Stati Uniti, lo stesso giorno dell'esecuzione di Sacco e Vanzetti, ordina di distruggere tutti i filmati del funerale dei due Anarchici. Il giornalista Anarchico toscano Aldino Felicani, emigrato nel 1914 negli Stati Uniti, conscio dell'importanza dell'evento, oltre ad articoli sul giornale L'Agitazione, incarica alcuni cineoperatori di riprendere in segreto il funerale.

E se la verità fosse solo un modo giusto di far combaciare cose già accadute? La verità come un inizio e una fine, forse un cerchio, ma molti non lo percorrono completamente, quindi vedono solo una parte; e le parti che vedono, vengono fatte combaciare mentalmente, divenendo così credenza-verità, quando poi non è stilata, perché allora ciò che abbiamo è addirittura una teoria.

Il maggior pericolo nella vita consiste nel prendere troppe precauzioni. Il virtuale è tanto libero quanto restrittivo… Un ossimoro.

[...] quando un archetipo viene attivato nell'inconscio del soggetto che lo esperisce, si produce uno stato di forte tensione emotiva. In tal momenti psiche e materia appaiono non più realtà separate, bensì coordinate a una sola situazione simbolica piena di senso. È come se il mondo psichico e quello fisico fossero facce d'una identica realtà. Jung denominò questa realtà unitaria, unus mundus.  Psiche e materia