Destini incrociati

Nel 1907 il Caffè Museum di Vienna è il teatro di un incrocio destinato a segnare la storia dell’arte: il pittore Gustav Klimt, al tempo quarantacinquenne, incontra il giovanissimo Egon Schiele, anche lui appassionato di pittura. Malgrado i 28 anni che li separano, capiscono di condividere lo stesso spirito artistico e soprattutto la stessa passione per il corpo femminile. I due stringono amicizia. Schiele è affascinato dall’arte di Klimt, diventa subito il suo pupillo. Klimt intuisce il talento – precocissimo – di Schiele, lo aiuta, gli procura incarichi, lo lancia alla ribalta. Li ritroviamo assieme tra i protagonisti della cosiddetta Secessione Viennese e soprattutto, assieme a Oskar Kokoschka, Schiele diventa uno dei massimi esponenti del primo espressionismo viennese. L’aiuto di Klimt è nuovamente fondamentale per Egon nel 1911: un anno prima è stato rinchiuso, accusato ingiustamente di molestie ad una minorenne. In realtà aveva messo in posa una ragazza di diciassette anni, Wally, di cui di era innamorato e con lei aveva avuto una relazione. La colpa, alla fine, per le autorità, era diventata quella di aver esibito i suoi quadri, ritenuti al tempo osceni. L’esperienza del carcere è durissima per Egon, ma chi lo salva nuovamente, quando esce, è proprio Klimt, che riesce in breve tempo a ottenere per lui diverse commissioni, ed è così che il giovane torna subito alla ribalta della scena artistica europea. Dunque Klimt è stato per Schiele ispiratore, fautore di una nascita e di una ri-nascita, quello che uno ha iniziato a dipingere (un Bacio tra più famosi della storia della pittura) l’altro ha portato avanti (con un Abbraccio tra corpi nudi, ancora tra i più celebri), ognuno con linguaggi propri, ognuno testimoniando a modo suo una mentalità in evoluzione, verso la modernità. Sessantottini ante litteram, credevano nella libertà di esibire l’amore e il corpo, sono stati amici per tutta la vita, se ne sono andati lo stesso anno, 1918. Senza Gustav Kilmt, il mondo non avrebbe conosciuto Schiele: morto a soli 28 anni, creatore di una mole impressionante di opere e autentici capolavori, uno dei massimi pittori del ‘900.

Crediti
 • Wikipedia •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ LL’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
542% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯
Egon Schiele – Gustav Klimt ⋯ Ritratto di donna sul DanubioRitratto di donna sul Danubio
272% Schiele ArtStille Lieder
Il dipinto è documentazione dell’incontro avvenuto tra Egon Schiele e Gustav Klimt nel 1907 – 1908, quando Klimt andò a trovare Schiele nel suo studio a Grünbergstrasse vicino a Schönbrunn e avvenne lo scambio di lavori artistici, periodo in cui Schiele d⋯
 ⋯ Il Codice di Hammurabi
192% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
Egon Schiele ⋯ Nude girl, folding her arms across her chestTutto nella vita è morte
127% Laura CorchiaSchiele Art
Inquieto, pessimista e dotato di un eccezionale vitalismo grafico, Egon Schiele affida al suo diario la sua concezione del mondo. Nato a Tulln nel 1890, il pittore austriaco è stato esponente assoluto del primo espressionismo viennese. Alla morte del padr⋯
Egon Schiele ⋯ La prigione del corpo
86% Schiele ArtWikipedia
Nell’opera di Egon Schiele il corpo subisce un trattamento che si potrebbe definire ai limiti del sadismo: eccessivamente magro, consunto, contratto, piegato in forme contorte. Sono uomini (e donne) schizoidi quelli dipinti dall’artista viennese, che, per⋯
Egon Schiele ⋯ La morte e la ragazzaDeformazione espressionistica dei corpi
61% Philippe DaverioSchiele Art
Nel 1915 Schiele visse un momento di grandi cambiamenti: dopo aver sposato Edith Harms, venne chiamato alle armi. La tela diventa quindi un autoritratto attraverso il quale l’artista rielabora questi suoi mutamenti personali. La composizione prende le mos⋯