Deussen e Hartmann contro l’eudemonologia di Schopenhauer

Si tratta quindi di convincere la maggioranza delle persone a negare la propria volontà. Per raggiungere questo obiettivo, ogni persona deve diffondere la conoscenza della irrazionalità dell’esistenza, ovvero della negatività del bilancio fra piacere e dolore. Ci sono tre illusioni che impediscono una chiara comprensione del risultato di tale bilancio e compito fondamentale è dunque la distruzione di tali illusioni: la prima illusione vorrebbe far credere che la felicità sia raggiungibile durante la vita terrena; mostrarne specificamente la falsità è compito del citato Lust-Unlust-Bilanz. La seconda illusione vorrebbe invece far credere che una vita felice dopo la morte (la felicità nell’aldilà) renderà positivo il bilancio fra piacere e dolore. Secondo la terza illusione, la vita in una futura società riformata e avanzata dovrebbe garantire agli uomini un surplus di piacere. A parere di Hartmann, le prime due illusioni sono già state praticamente distrutte. Che la vita terrena offra agli uomini più dolore che piacere, è ormai riconosciuto quasi da tutti. La credenza nell’immortalità dell’anima – condizione della seconda illusione – di giorno in giorno è condivisa da un numero sempre più ridotto di persone. Resta solo la terza illusione, della cui vanità ci si potrà convincere solo quando la società del futuro che ne sta alla base sarà realizzata. In questa nuova società gli uomini potranno constatare che, anche in queste nuove condizioni, la felicità è impossibile. L’impossibilità di rendere positivo il bilancio piacere-dolore sarà allora chiara a tutti, e gli uomini potranno decidere di negare la volontà individuale, e quindi di annichilire il mondo.
Lo svelamento della terza illusione è quindi un compito pratico che si può realizzare solo attraverso la realizzazione di una società migliore.
[…] Tuttavia egli è consapevole che la piena realizzazione di tale progresso è un obiettivo che potrà essere raggiunto solo in un lontano futuro. Conseguentemente altrettanto si deve dire dello scopo finale della negazione della volontà. Tale obiettivo anzi finisce per essere così lontano da trovarsi praticamente al di fuori del campo visivo dell’uomo: ciò che è all’ordine del giorno, è il dovere di promuovere il progresso per costruire la nuova società. Pertanto, Hartmann non si stanca mai di spronare gli uomini a contribuire con coraggio e abnegazione al progresso economico e sociale.
[…] Le modifiche apportate alla filosofia morale di Schopenhauer conducono a risultati che in definitiva si avvicinano alle posizioni di Deussen: anche per Hartmann la negazione della volontà non è un evento straordinario che riguarda solo pochi santi e asceti, ma un fine cui tutta l’umanità può sperare di raggiungere. Poiché tuttavia la sua concreta realizzazione è spostato in un lontano futuro, anche la morale di Hartmann prescrive all’uomo di impegnarsi altruisticamente nella vita quotidiana come vuole quella di Deussen. Di nuovo Schopenhauer è normalizzato.

Crediti
 • Giuseppe Invernizzi •
 • Nessun accomodamento •
  • Deussen e Hartmann contro l'eudemonologia di Schopenhauer •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Percezione del tempo
18% AforismiEmil CioranSchiele Art
Percepisco questo secondo, e poi quest’altro, faccio il bilancio di ogni minuto. Perché tutto questo? – Perché sono nato. È da un tipo speciale di veglia che deriva la messa in discussione della nascita.
Egon Schiele ⋯ Diffidate dei sogni degli altri
11% AforismiGilles DeleuzeSchiele Art
In ogni istinto, la verità ha preso la forma di un’illusione per agire sulla volontà. Diffidate dei sogni degli altri, se siete presi nel sogno di un altro, siete finiti.
Egon Schiele ⋯ Onesta passione
11% AforismiAlphonse KarSchiele Art
L’amore è la più terribile, ma anche la più onesta delle passioni; è la sola che non possa occuparsi della propria felicità senza comprendervi la felicità di un altro.
Nicola Samorì ⋯ Possedere e piacere
11% AforismiJosé Saramago
Piacere è probabilmente il miglior modo di possedere, possedere dev’essere il peggior modo di piacere.
Egon Schiele ⋯ Ernie BarnesFatalità della felicità
11% AforismiAndré GideSchiele Art
Nulla è più fatale alla felicità che il ricordo della felicità stessa.
Egon Schiele ⋯ Ritratto di una donnaFelicità nella felicità
10% AforismiGottfried Wilhelm von LeibnizSchiele Art
Amare è mettere la nostra felicità nella felicità di un altro.