Giada Chiacchiera ⋯
Chi crede che leggere sia una fuga è all’opposto della verità: leggere è trovarsi di fronte il reale nella sua massima concentrazione.

Crediti
 • Amélie Nothomb •
 • egon pin • Giada Chiacchiera •  •  •
Similari
 ⋯ Che cosa fa di una realtà, una realtà?
34% Anna Maria TocchettoPercorsi
Sempre che poi esista qualcosa che sia realtà, anche perché reale è ciò che accade ora, anche volendo immettere il tempo, che poi è un fattore d’ordine per molti versi, mi sembra chiaro, che reale non può essere il passato, magari lo è stato al momento, d⋯
 ⋯ Il Tempo Degli Assassini
32% Gennaro De FalcoPercorsi
Ecco il tempo degli Assassini” è il rintocco che chiude “Mattinata d’ebbrezza” nelle “Illuminazioni” di Rimbaud. Ed è la frase che intitola, con un apolivalenza di significati, della quale Rimbaud è solo in parte responsabile, questo saggio scritto da Mil⋯
 ⋯ Il destino esaudisce i nostri desideri
31% Johann Wolfgang GoethePercorsi
I naufragi, pensò Charlotte, avvengono anche in terraferma; riprendersi e ricomporsi il più rapidamente possibile è bello e lodevole. La vita tutta è del resto impostata sui profitti e sulle perdite. Chi non ha mai fatto questo o quell’altro progetto per ⋯
 ⋯ Indole tragica e pessimistica
29% PercorsiStefano Floris
L’umorismo è descritto come un’ironia che fa sorridere per la sua arguzia in un primo momento, ma poi invoglia ad una amara meditazione sulle debolezze e sui vizi degli uomini. Il più grande esempio di umorismo lo si trova, per consenso della storia, nel ⋯
Apollo e Dafne di Gian Lorenzo BerniniApollo e Dafne
27% Elisa SavianiPercorsi
Si tratta di una delle sculture giovanili del Bernini, eseguite per il cardinale Scipione Borghese. L’artista ha qui tentato di rendere il movimento in scultura, operazione assai difficile considerata la natura stessa del mezzo utilizzato. Tuttavia egli h⋯
⋯ Alexandra Hage ⋯In tutte le cose io vedevo subito l’opposto
24% Henry MillerPercorsi
Una volta mollata l’anima, tutto segue con assoluta certezza, anche nel pieno del caos. Dal principio non fu mai altro che caos: un fluido che mi avviluppava, e io vi respiravo per branchie. Nei substrati, dove la luna brillava ferma e opaca, era liscio e⋯