Giorno internazionale contro i crimini statunitensi contro l'umanità

I

NOI, I POPOLI E LE NAZIONI DEL MONDO, DICHIARIAMO:

Che la civiltà, intesa come espressione plurale, diversificata e multiculturale che da riparo a tutte le manifestazioni umane, alla convivenza tra i popoli e fornisce il quadro naturale per il pieno sviluppo dell’essere umano, riprova e condanna fortemente le azioni politiche e militari nordamericane in tutto il mondo che vulnerano palesemente le convenzioni internazionali, i valori umanistici e i protocolli del diritto internazionale stabiliti nel quadro delle Nazioni Unite e nelle organizzazioni create per rendere possibile la giusta convivenza tra i popoli.

QUINDI:

DENUNCIAMO E CONDANNIAMO le espressioni ripetute di orrore programmato praticate dai vari apparati statali statunitensi in tutto il mondo. Condanniamo anche i suoi tentativi di legittimare la violenza militare e diplomatica che esercita, facendo appello nei suoi discorsi e proclami ai principi democratici e repubblicani, che sono violati sia nelle sue politiche estere che interne.

DENUNCIAMO E CONDANNIAMO che gli Stati Uniti nel corso del ventesimo secolo, e nel corso di questo ventunesimo secolo, abbiano fomentato, utilizzato, perfezionato e legalizzato la tortura come metodo per raggiungere obiettivi economici, repressivi e di dominazione ideologica. Comprendendo che questo uso sistematico, continuo e organizzato metodologicamente ha finito per naturalizzare tutto ciò che la civiltà deve sradicare: il terrore, l’abuso crudele e spietato di alcune persone contro altre, il dominio di alcune nazioni sulle altre, il terrorismo di Stato e la disintegrazione della volontà morale che ogni persona umana deve possedere, ma che la paura della tortura svanisce.

DENUNCIAMO E CONDANNIAMO gli irrefutabili esempi forniti dagli Stati Uniti come uno stato torturatore che non solo applica, ma legittima la violenza, organizzando risorse e persone per la tortura, implementando queste capacità in tutto il mondo, pubblicando manuali per istruire sulle forme di tormento e formando specialisti per questi compiti contro l’umanità.

DENUNCIAMO E CONDANNIAMO le azioni unilaterali degli Stati Uniti nel mondo che, fingendo di essere legali utilizzando forum democratici globali come le Nazioni Unite, contravvengono a tutti i principi di convivenza tra nazioni, generando guerre inutili e milioni di morti dispersi in molteplici conflitti, insieme a la distruzione di città e infrastrutture in tutto il mondo, portando così al degrado, alla morte e alla disperazione di milioni di esseri umani, semplicemente per non accettare le politiche imposte da Washington.

DENUNCIAMO E CONDANNIAMO che gli Stati Uniti possiedano un migliaio di basi militari in tutto il mondo, poiché questa presenza rende quel paese in una nazione colonialista, oppressiva e irrefutabilmente imperialista che non solo inverte gli ideali umanistici con cui fu fondata nel 1776, ma che trasforma anche il resto del mondo in un campo vincolato alla sua potenza militare, senza che nessun organo o forum internazionale lo autorizzi o lo consenta.

DICHIARIAMO E CONDANNIAMO che gli Stati Uniti commettano omicidi selettivi in ​​tutto il mondo, finanzino e costruiscano centri clandestini per la detenzione di persone, che promuova persecuzioni politiche seguite da morte o tortura per migliaia di intellettuali, attivisti e leader sociali che non concordano con le strategie degli Stati Uniti nel mondo, comprendendo che tali pratiche promuovono un sistema di coesistenza internazionale retrograda e che degrada la civiltà.

DICHIARIAMO E CONDANNIAMO che gli Stati Uniti esercitino nella loro diplomazia e con il loro potere militare ed economico ripetute violazioni, intenzionali e programmate, di gran parte dei principi contenuti nella Dichiarazione universale dei diritti umani, sanzionata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1948, rendendo gli Stati Uniti la nazione che ha maggiormente violato e attualmente viola tutti gli articoli contenuti nella suddetta Dichiarazione universale. E con ciò, quindi, dovrebbe essere considerata come una nazione pericolosa per la convivenza mondiale e contraria a tutto l’umanesimo, in quanto promuove lo scioglimento dei legami fraterni che devono essere la base della civiltà, danneggiando l’armonia tra le nazioni.

I popoli e le nazioni del mondo DENUNCIAMO E CONDANNIAMO le azioni militaristiche, l’interventismo armato e l’interferenza politica degli Stati Uniti in diversi paesi, le cui conseguenze più visibili sono la morte, la carestia, la distruzione dei tessuti sociali e le infrastrutture di base con bombardamenti, invasioni e attacchi di terra e aria, che riescono a distruggere tutto ciò che non si adatta alla supremazia globale statunitense, rendendo il pianeta un posto instabile e condannato alla sofferenza, solo per soddisfare i desideri di un singolo Stato nazionale dominante e privo di una morale umanista efficace.

Infine, DENUNCIAMO E CONDANNIAMO qualsiasi tentativo propagandistico e discorsivo da parte degli Stati Uniti, di mostrarsi come una nazione che difende l’umanità, la democrazia e dei migliori ideali per la convivenza internazionale, poiché nessuno di questi è coerente con le azioni verificabili nella sua storia moderna. Oggi sappiamo che le risorse che gli Stati Uniti assegnano agli aiuti umanitari e ai progetti di cooperazione e incentivi alla democrazia sono progettati per ottenere risultati strategici o per installare il concetto che gli Stati Uniti sono una nazione benefica, piuttosto che uno Stato aggressore che tortura, opprime e limita lo sviluppo delle nazioni e società in tutto il mondo.

II

Perché le azioni militari e politiche americane hanno violato in molti e in vari modi la dignità umana, seminando morte, malnutrizione, arretratezza economica, promuovendo e finanziando dittature, uccidendo militanti e leader umanisti, facendo scomparire e torturando massicciamente a persone, bombardando città e popolazioni civili indifese…

DICHIARIAMO E AVVERTIAMO: che per il loro sostentamento, le generazioni future devono capire e quindi agire politicamente per porre fine alla filosofia necrofila, militaristica e imperialista che gli Stati Uniti d’America applicano con i loro crimini internazionali, compresi i gravi crimini ecologici che perpetra per loro esclusivo vantaggio economico e quello delle sue società transnazionali sparse in tutto mondo, ampliando anche la firma di protocolli internazionali e infrangendo accordi per la difesa ecologica e la riduzione dell’inquinamento.

Che le guerre preventive, le torture programmate e la persecuzione degli avversari insieme alla devastazione degli ecosistemi in tutto il pianeta imposte da una filosofia di profitto infinito, devono cessare. E affinché ciò accada, i popoli del mondo hanno l’imperativo di rispondere alla distruzione sistematica imposta dalla politica estera di Washington.

Che senza ignorare o negare i molteplici contributi del popolo e della società americana all’umanità nel campo della scienza, della cultura, dell’arte e del progresso tecnologico, dobbiamo condannare tutto ciò che perversa, degrada e diluisce quei preziosi contributi al mondo , comprendendo e difendendo l’idea che nessuna nazione abbia maggiore diritto su un’altra, né qualsiasi cultura, essendo una società umana può rivendicare il diritto al dominio e alla tutela di qualsiasi tipo.

QUINDI:

davanti alla molteplicità di crimini americani contro l’umanità, designiamo una data commemorativa in omaggio a quei popoli, paesi e società che sono stati schiacciati dalla volontà e dall’ambizione di un singolo Stato che cerca di assoggettare con metodi diversi a quasi tutte le nazioni del pianeta. Dalle remote isole del Pacifico, agli Stati europei, dall’Africa sub-sahariana, al Medio Oriente, Asia o America Latina, tutti hanno subito le devastazioni del militarismo e della diplomazia interventista negli Stati Uniti.
In questa prospettiva storica e umanistica, che è libera da ideologie settarie, insieme a quelle che incoraggiano l’umanesimo universale e orizzontale …

PROMUOVIAMO: Che il 9 agosto sia riconosciuto dalle nazioni del mondo, come la GIORNATA INTERNAZIONALE DEI CRIMINI STATUNITENSI CONTRO L’UMANITÀ, per essere quel 9 agosto 1945 il giorno in cui la città di Nagasaki fu inutilmente distrutta da un secondo attacco atomico. Bombardamento di magnitudo genocida è stato effettuato al fine di inviare un messaggio dissuasivo all’Unione Sovietica sul potere degli Stati Uniti e che ha causato un brutale massacro tra la popolazione civile. Passa questa data come una delle tante che potrebbero servire da promemoria vergognosa per la civiltà sul ruolo nordamericano nella storia dell’ultimo secolo e sul suo disprezzo per la vita umana.

Tutti i popoli del mondo che si sentono uniti da ideali fraterni, da principi di convivenza pacifica e armonia nella diversità, possono sollevare questo slogan universale per consentire alla Civiltà di continuare un percorso edificante basato sull’uguaglianza davanti alla legge e con un diritto internazionale liberato da egemonie e dominazioni settarie.

I FIRMATARI, CHE CI DICHIARIAMO MILITANTI PER UN ALTRO MONDO POSSIBILE, PIÙ PACIFICO, COOPERATIVO, RISPETTOSO ALLA TERRA MADRE E LIBERATI DAI COLONIALISMI E MILITARISMI, DICHIARIAMO AGLI STATI UNITI, IL LORO GOVERNO E LE LORO GRANDI CORPORAZIONI COME ATTORI CHE METTONO IN PERICOLO LA CONTINUITÀ UMANA SUL PIANETA E IL PROGRESSO DELLA CIVILTÀ.

CHE LA PACE TRA LE PERSONE BUONA VOLONTÀ SIA SEMPRE IL LINGUAGGIO CHE CI UNISCA E CI CONDUCA A UNA CRESCITA CONDIVISA.


Crediti
 • Autori Vari •
 • Giorno internazionale contro i crimini statunitensi contro l'umanità •
 • Sorgente: Albainformazione.com •
  • Testo scritto il 17 luglio 2017 dal sociologo Atilio Boron, dallo scrittore Alejo Brignole, dalla ricercatrice Telma Luzzani, dalla giornalista e scrittrice Stella Calloni, nell'ambito della campagna per il 9 agosto •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Consiglio Permanente dell’OSA
540% ArticoliDelcy RodríguezPolitica
Sua Eccellenza Delcy Rodríguez Gómez, Segretario Generale dell’OSA, Luis Almagro, vice segretario generale non presente, Illustri Rappresentanti permanenti e supplenti, rappresentanti degli Stati osservatori, invitati speciali, signore e signori. Ministro⋯
Il caso Nietzsche
365% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
L’ombra del medioevo tra noi
193% SocietàStefano Rodotà
Quando nel discorso pubblico compare la parola “tortura”, immediatamente si determinano tensioni forti perché essa sfida altre parole, dalle quali sentiamo di non poterci separare come “dignità umana” e “democrazia”. Non sempre è stato così, perché si era⋯
Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo
175% ArticoliAutori VariSocietà
Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo; Considerato che il disconoscimento ⋯
Palestina e Israele
160% ArticoliCarlos Salas
È un paradosso: ebrei e palestinesi provengono dallo stesso tronco e condividono molti profeti ma, la creazione dello Stato di Israele nel 1948 e il trasferimento dei palestinesi nei campi profughi, ha dato luogo ad un conflitto, impossibile da risolvere.⋯