Egon Schiele ⋯
Uno studio dedicato all’antropologia dell’esercizio non può essere condotto, per ragioni interne, senza schierarsi e senza partigianeria. Ciò dipende dalla circostanza per cui ogni discorso sull’essere umano oltrepassa prima o poi i confini della semplice descrizione e finisce per perseguire fini normativi, siano essi espressi o taciti.
[…] L’insopprimibile partigianeria della teoria antropologica è intimamente intrecciata con la natura stessa del suo oggetto. Infatti, per quanto il discorso generale sull’essere umano sia intriso di pathos egualitario – non importa se concernente l’eguaglianza reale o dichiarata degli individui rispetto all’eredità biologica della specie o l’equivalenza virtuale delle culture davanti al tribunale che stabilisce se sono degne di sopravvivere -, tale discorso deve pur sempre tener conto della circostanza che gli esseri umani sono inevitabilmente soggetti a una tensione verticale, in tutte le epoche e in qualsiasi spazio culturale.
Ovunque si incontrino esseri umani, essi sono collocati entro campi d’azione e classi di status. Al carattere vincolante di questi fenomeni gerarchici non riesce a sottrarsi del tutto nemmeno l’osservatore esterno, per quanto si sforzi di mettere fra parentesi i propri idoli tribali. È evidente che esistono determinati meta-idoli, la cui autorità è trasversale alle culture. Si tratta chiaramente di ruoli vincenti, riconoscimenti di status ed eccellenze, fenomeni elevati a universali, dai quali nessuno riesce a emanciparsi, né all’interno del proprio ambito né tanto meno in quelli estranei, senza precipitare al livello dei barbari.
Fatalmente, il termine “barbaro” fornisce la password che permette l’accesso gli archivi del XX secolo. Esso designa chi disprezza la performance, designa il vandalo, chi nega lo status, l’iconoclasta, chi rifiuta di riconoscere qualunque sorta di rango e di gerarchia. Chi vuole comprendere il XX secolo deve sempre tenere presente il fattore barbarico.”

Crediti
 • Peter Sloterdijk •
 • Devi cambiare la tua vita •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Antropotecniche
89% Peter SloterdijkSchiele Art
Con questo termine intendo le condotte mentali e fisiche basate sull’esercizio, con le quali gli esseri umani delle culture più svariate hanno tentato di ottimizzare il loro status immunitario sia cosmico sia sociale, dinnanzi a vaghi rischi per la propri⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
80% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ Della virtù che rimpiccolisce
51% ArticoliFriedrich NietzscheSchiele Art
Zarathustra fu di nuovo sulla terra ferma, non corse subito alla sua montagna e alla sua grotta, ma fece molte strade e domande e si informò di questo e di quello, così che diceva a se stesso scherzando: ‹‹Ecco un fiume, che per mille curve rifluisce alla⋯
William Russell Flint ⋯ Le morte DarthurL’uomo è l’essere pontificale
49% FrammentiPeter Sloterdijk
Il passaggio dalla natura alla cultura, e viceversa, è sempre stato aperto. Esso conduce sopra un ponte facilmente percorribile: la vita incentrata sull’esercizio. Gli esseri umani si sono impegnati a costruire questo ponte fin da quando sono comparsi. Di⋯
Egon Schiele ⋯ Esercizio ginnico
47% Peter SloterdijkSchiele Art
Come sempre, quando si legge lo Zarathustra, anche qui non bisogna farsi confondere dal tono evangelico del discorso. Non abbiamo a che fare, nel merito, con le direttive provenienti da una nuova religione, quanto piuttosto con le disposizioni di allename⋯
 ⋯ La beatitudine notturna di essere grande senza essere qualcosa
46% ArticoliPeter Sloterdijk
Il soggetto in via di formazione chiamato nogetto per la sua irriducibilità ai campi sia della soggettività sia dell’oggettualità prova delle esperienze che condizioneranno tutta la sua vita cosciente: l’inclusione nel corpo materno condivisa con la place⋯