Diversi «modi di sconfitta»
Il modo in cui io soffro la mia stanchezza non è affatto dipendente dal fatto accidentale del pendio su cui m’arrampico oppure della notte più o meno agitata che ho trascorso: questi fattori possono contribuire a costituire la mia stanchezza in sé stessa, non il modo in cui la soffro. Ma noi ci rifiutiamo di vedere in essa […] un’espressione del complesso di inferiorità, per esempio, nel senso in cui questo complesso sarebbe una formazione anteriore. Che un certo modo stizzoso e rigido di lottare contro la stanchezza possa esprimere quello che si chiama complesso di inferiorità, siamo d’accordo. Ma il complesso di inferiorità stesso è un progetto del mio per-sé nel mondo, di fronte all’altro. Come tale è sempre trascendenza, come tale ancora è maniera di scegliersi. Questa inferiorità contro la quale io lotto e che pertanto riconosco, l’ho scelta fin dall’inizio: senza dubbio essa ottiene un significato dai miei diversi «modi di sconfitta», ma per essere precisi non è altro che la totalità organizzata dei miei modi di sconfitta, come piano progettato, come somma generale del mio essere e ogni comportamento di sconfitta è esso stesso trascendenza perché ogni volta sorpasso il reale verso le mie possibilità: cedere alla stanchezza vuol dire, per esempio, superare il cammino da fare conferendogli il senso di «cammino troppo difficile da percorrere».

Crediti
 Jean-Paul Sartre
 Saggio di ontologia fenomenologica
  1943
  L'essere e il nulla
 Pinterest •   • 




Quotes per Jean-Paul Sartre

Ero un bambino, cioè uno di quei mostri che gli adulti fabbricano con i loro rimpianti.

Nel corso della mia vita mi sono reso conto che tutti i nostri problemi derivano dalla nostra incapacità di usare un linguaggio chiaro e conciso.

Io non so approfittare dell'occasione: vado a caso, vuoto e calmo, sotto un cielo inutilizzato.

Non c'è alcun punto di vista assoluto dal quale si possa dipendere per confrontare due situazioni diverse; ogni persona non realizza che una situazione: la sua.

La vita non ha senso a priori. Prima che voi la viviate, la vita di per sé non è nulla; sta a voi darle un senso, e il valore non è altro che il senso che sceglierete.