⋯
Vedi Jack, mi guardo intorno. Osservo. Mi piace osservare le donne belle e tristi. Quelle che sembrano incazzate con il mondo. Accanto, di solito, hanno un maschio con l’aria tra il soddisfatto e il rabbioso. Come qualcuno che porta a spasso un uccellino in gabbia. Soddisfatti per la conquista, rabbiosi per l’insofferenza dell’uccellino verso quella gabbia. Per certi maschi le donne sono un trofeo. Da lucidare, per carità. Ma una donna sa lucidarsi da sola. Quello di cui ha bisogno è un uomo. Qualcuno che faccia brillare ciò che ha dentro. Che le soffi vento sulle ali. Che trovi la sua bellezza più grande sottopelle e ne vada fiero. Quella bellezza è un trofeo. Non è un trofeo quello che tutti possono vedere. Il fiore all’occhiello di una vera donna è dentro di lei. Chi non sa trovare ciò che ha dentro, non merita di avere una donna. È solo un maschio. Gli basterà una femmina.

Crediti
 • Angelo De Pascalis •
 • Pinterest •   •  •

Similari
La scrittura delle donne
733% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Il Codice di Hammurabi
700% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
Il caso Nietzsche
540% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Il mercantile
242% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Sapere di non essere
228% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯