⋯  ⋯
Oh, io le ho viste gagliarde, fiorenti di giovinezza, di salute e di forza, scendere dalla campagna avara alla città piovra. Rideva nei loro occhi la speranza, nella loro sana freschezza la fiducia di avere attinto la terra promessa del lavoro, della prosperità, del benessere. Le ho rivedute qualche mese di poi, dopo che pei vostri ergastoli industriali senz’aria, senza luce e senza requie avevano chiesto a dieci, a dodici, a quattordici ore di lavoro, un pane e una agiatezza che l’onesta fatica non dà, non sa dare; le ho rivedute anemizzate, stanche, fiacche, nauseate dai vostri bagni, del vostro cinismo, del loro lavoro; le ho rivedute a tarda notte per le taverne dei sobborghi, sul lastico, sul rigagnolo, chiedere al più umiliante dei mercimoni il pane ed il rifugio; le ho rivedute nella sentina della polizia, bollate e matricolate col marchio dell’infamia, le disgraziate che la vostra società ha respinto fuori del suo seno.
Le ho vedute nel seno delle famiglie povere, le tormentate, le madri dolorose, a cui il salario della vostra settimana di lavoro non lascia alla domenica, fatte le provviste, il becco di un quattrino, ed alle esigenze del bilancio sono costrette a provvedere con un lavoro di dodici e quattordici ore; le ho viste intristirsi, inacidirsi, inasprirsi sotto la sferza del lavoro e della miseria, non credere più alla vita, non credere più all’avvenire, non credere più all’amore, esse che all’amore erano venute sorridendo e le culle avevano salutato con lacrime di gioia: e sotto quell’accidia ho visto nascere tra le delusioni le prime querele, addensarsi in organi spaventosi, dissolversi nel delitto e nell’abbandono la famiglia, l’istituto sacro di cui vi proclamate sacerdoti, custodi e paladini. E in cuor mio non vi ho più perdonato.
Ah! voi credete che un operaio nel cui cervello guizzi un lampo di fierezza, nel cui animo frema un sentimento d’indipendenza, possa assistere senza rivolta, allo strazio quotidiano che voi fate delle sue carni e del suo cuore ?
Ebbene, sono in grado di guarirvi dall’illusione.

Crediti
 • Clément Duval •
 • La Frusta •
  • anno II, n. 4 del 8 febbraio 1920 •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
425% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
 ⋯ La scrittura delle donne
310% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
 ⋯ Vogliate essere liberi, e lo sarete!
267% Michail BakuninPolitica
Cari compagni, vi ho detto la volta scorsa che due grandi avvenimenti storici avevano fondato la potenza della borghesia: la rivoluzione religiosa del sedicesimo secolo, conosciuta col nome di Riforma, e la grande Rivoluzione politica del secolo scorso. Ho⋯
Delcy RodríguezConsiglio Permanente dell’OSA
150% ArticoliDelcy RodríguezPolitica
Sua Eccellenza Delcy Rodríguez Gómez, Segretario Generale dell’OSA, Luis Almagro, vice segretario generale non presente, Illustri Rappresentanti permanenti e supplenti, rappresentanti degli Stati osservatori, invitati speciali, signore e signori. Ministro⋯
 ⋯ Pane e lavoro
141% Autori VariPolitica
Vogliamo pane e lavoro! Vogliamo pane e lavoro? Vedete un po’. Quel grido da un pezzo non lo udivo più e da altrettanto tempo non avevo più avuto l’occasione di leggerlo sui giornali. Da parecchio tempo aveva cessato di essere il grido, come dire?… di b⋯
⋯ Simón Bolívar ⋯Manifesto di Cartagena
95% ArticoliSimón BolívarSocietà
Memoria indirizzata ai cittadini della nuova Granada da un caraqueño Liberare la nuova Granada dalla sorte del Venezuela e redimere questa da ciò che patisce, sono gli obiettivi che mi sono proposto in questa memoria. Degnatevi, oh miei concittadini, di a⋯