Dove sono i corpi?
I corpi sono innanzitutto al lavoro. I corpi sono innanzitutto alla pena del lavoro. I corpi sono innanzitutto in viaggio verso il lavoro, di ritorno dal lavoro, ad aspettare il riposo, a prenderselo e a liberarsene subito, o stanno ad incorporarsi nella merce, merce essi stessi, forza lavoro, capitale che non si può accumulare, vendere, esaurire sul mercato del capitale accumulato, accumulatore. La téchne creatrice crea i corpi di fabbrica, di officina, di cantiere, di ufficio, che, in figure e movimenti, si accordano con l’intero sistema, pezzi, leve, giunti, incastri, filettature, incapsulamenti, fresature, disinnesti, imbutiture, sistemi regolati, regolarità sistemiche, stoccaggi, manutenzioni, sgravi, rottami, controlli, trasporti, pneumatici, oli, diodi, cardani, forcelle, bielle, circuiti, dischetti, fax, temperature elevate, liofilizzazioni, perforazioni, cavi, canalizzazioni, corpi incanalati solo verso la loro forza monetizzata, solo verso il plusvalore di capitale che si raccoglie e si concentra là.

E non dite che questo è un discorso arcaico.

Capitale vuol dire: corpo mercanteggiato, trasportato, spostato, ricollocato, rimpiazzato, messo in un posto e in posizione, fino all’usura, fino alla disoccupazione, fino alla fame, corpo bengali chino su un motore a Tokyo, corpo turco in un cantiere di Berlino, corpo nero carico di bagagli bianchi a Suresnes o a San Francisco. Capitale vuol dire anche: sistema di iper-significazione dei corpi. Niente è più significante/significato della classe, della pena e della lotta di classe. Niente sfugge meno alla semiologia dello sforzo subito dalle forze, dalla torsione dei muscoli, delle ossa, dei nervi. Guardate le mani, i calli, le incrostazioni, guardate i polmoni, le colonne vertebrali. Sporchi corpi salariati, sporcizia e salario come un anello chiuso di significazione. Tutto il resto è letteratura.

Crediti
 • Jean-Luc Nancy •
 • Corpus •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
1894% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯

 ⋯ Impero, vent’anni
1336% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯

⋯  ⋯Capitalismo o Economia Pianificata
823% Herbert George WellsPolitica
Herbert George Wells: Le sono molto grato per aver accettato di incontrarmi. Recentemente sono stato negli Stati Uniti. Ho avuto una lunga conversazione con il presidente Roosevelt e ho cercato di chiarire quali sono le sue idee principali. Ora sono venut⋯

 ⋯ Il caso Nietzsche
520% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ La scrittura delle donne
426% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯

Renato Guttuso ⋯ LL’anno della rivoluzione
343% Maurice Rapport
Sotto un livido cielo di gennaio, un convoglio di slitte trainate da cavalli avanzava lasciando le sue scie in una pianura imbiancata di neve. La processione si fermò a una sbarra, e i passaporti dei passeggeri vennero esaminati da un sergente; un vecchio⋯