E allora è terribile
È disgustosa la vitalità della bestia nell’uomo pensava ma quando si presenta nel suo aspetto elementare, dall’alto della tua vita spirituale la vedi e la disprezzi, e sia che tu cada, sia che tu resista, resterai quel che eri; ma quando la bestialità si nasconde sotto un velo poetico e di belle parvenze, e vuole essere omaggiato, allora, considerando divino il bestiale, ti ci smarrisci, e non distingui più il bene dal male. E allora è terribile.