È come il mattino
Queste dure colline che han fatto il mio corpo
e lo scuotono a tanti ricordi, mi han schiuso il prodigio
di costei, che non sa che la vivo e non riesco a comprenderla.
L’ho incontrata, una sera: una macchia più chiara
sotto le stelle ambigue, nella foschia d’estate.
Era intorno il sentore di queste colline
più profondo dell’ombra, e d’un tratto suonò
come uscisse da queste colline, una voce più netta
e aspra insieme, una voce di tempi perduti.
Qualche volta la vedo, e mi vive dinanzi
definita, immutabile, come un ricordo.
Io non ho mai potuto afferrarla: la sua realtà
ogni volta mi sfugge e mi porta lontano.
Se sia bella, non so. Tra le donne è ben giovane:
mi sorprende, a pensarla, un ricordo remoto
dell’infanzia vissuta tra queste colline, tanto è giovane.
È come il mattino.
Mi accenna negli occhi tutti i cieli lontani di quei mattini remoti.
E ha negli occhi un proposito fermo: la luce più netta
che abbia avuto mai l’alba su queste colline.
L’ho creata dal fondo di tutte le cose che mi sono più care…
e non riesco a comprenderla.

Crediti
 • Cesare Pavese •
 • Pinterest • Gustave Courbet  •  •

Similari
 ⋯ La Langa
48% ArticoliCesare Pavese
Io sono un uomo molto ambizioso e lasciai da giovane il mio paese, con l’idea fissa di diventare qualcuno. Il mio paese sono quattro baracche e un gran fango, ma lo attraversa lo stradone principale dove giocavo da bambino. Siccome – ripeto – sono ambizio⋯
 ⋯ L’inconsolabile
32% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯
Egon Schiele ⋯ Doppio autoritrattoEstremi
31% Egon SchielePoesieSchiele Art
Estremi di uno stesso essere fratelli inscindibili senza possibilità alcuna di pretendere una strada diversa divieto assoluto di amare se stesso più dell’altro da sé divieto assoluto come unica legge creata ed odiata per non cadere nell’inganno di scappar⋯
Egon Schiele ⋯ Musa
28% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Era più bella del sole e io non avevo ancora sedici anni. Ventiquattro ne sono passati ed è ancora al mio fianco. A volte la vedo camminare sulle montagne: è l’angelo custode delle nostre preghiere. È il sogno che ancora ritorna con la promessa e il fisch⋯
 ⋯La chioma di Elena
25% Derek WalcottPoesie
Alla fine di questa frase, comincerà la pioggia. All’orlo della pioggia, una vela. Lenta la vela perderà di vista le isole; in una foschia se ne andrà la fede nei porti di un’intera razza. La guerra dei dieci anni è finita. La chioma di Elena, una nuvola ⋯
Egon Schiele ⋯ Il fantasma di Edna Lieberman
25% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Ti fanno visita nell’ora più oscura tutti i tuoi amori perduti. La strada sterrata che portava al manicomio si dispiega ancora una volta come gli occhi di Edna Lieberman, come solo potevano i suoi occhi elevarsi al di sopra delle città e brillare. E brill⋯