Gustave Doré ⋯
E come ‘l volger del ciel de la luna
cuopre e discuopre i liti sanza posa,
così fa di Fiorenza la Fortuna:
per che non dee parer mirabil cosa
ciò ch’io dirò de li alti Fiorentini
onde è la fama nel tempo nascosa.

Crediti
 • Dante Alighieri •
  • XVI, 82-87 •
 • Pinterest • Gustave Doré  • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Egon Schiele ⋯ Crouching Nude GirlSilenziosa luna
113% Giacomo LeopardiPoesieSchiele Art
Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna? Sorgi la sera, e vai, Contemplando i deserti; indi ti posi. Ancor non sei tu paga Di riandare i sempiterni calli? Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Di mirar queste valli? Somiglia alla tu⋯
Gustave Doré ⋯ Il massacro degli innocentiMirare il sole e le stelle
55% Dante AlighieriDoré Gallery
Che se in Fiorenza per via onorata non s’entra, io non entrerovvi giammai. E che? non potrò io da qualunque angolo della terra mirare il sole e le stelle? non potrò io sotto ogni plaga del cielo meditare le dolcissime verità, se pria non mi renda uom senz⋯
 ⋯ La dimora di sogni
47% Jorge Luis BorgesPoesie
Ariosto mi insegnò che sull’incerta Luna dimorano i sogni, l’inafferrabile, il tempo che si perde, il possibile o l’impossibile, che è la stessa cosa. generazioni di uomini hanno guardato verso la luna, hanno pensato ad essa e l’hanno mutata in mito, per ⋯
 ⋯ L’Irrémédiable
40% Charles BaudelairePoesie
Essere, Forma, Idea, dall’abbaglio azzurro giù nello Stige finito, nel limo plumbeo e vischioso smarrito, ove non v’è del ciel lume o spiraglio: un Angelo, maldestro viaggiatore, tentato dall’amore del difforme, entro la rete d’un incubo enorme si va agit⋯
Gustave Doré ⋯ Godi, Fiorenza, poi che sè sì grande
38% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Godi, Fiorenza, poi che sè sì grande che per mare e per terra batti l’ali, e per lo ‘nferno tuo nome si spande!
 ⋯ Non faran mai che il sol non mire
37% Giordano BrunoPoesie
Causa, principio ed uno sempiterno, Onde l’esser, la vita, il moto pende, E a lungo, a largo e profondo si stende Quanto si dic’in ciel, terr’ed inferno; Con senso, con raggion, con mente scerno Ch’atto, misura e conto non comprende Quel vigor, mole e num⋯