Gustave Doré ⋯
È gentilezza dovunqu’è vertute,
ma non vertute ov’ella;
sì com’è cielo dovunq’è la stella,
ma ciò non è converso
E noi in donna e in età novella
vedem questa salute,
in quanto vergognose son tenute,
ch’è da vertù diverso.

Crediti
 • Dante Alighieri •
 • Sulla salute, sull'età •
  • Trattato quarto, canzone terza •
 • Pinterest • Gustave Doré  • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Francisco Goya ⋯ Maja desnudaDonna intensa
52% Martha Rivera GarridoPoesie
Non innamorarti di una donna che legge, di una donna che sente troppo, di una donna che scrive. Non innamorarti di una donna colta, maga, delirante, pazza. Non innamorarti di una donna che pensa, che sa di sapere e che inoltre è capace di volare, di una d⋯
Gustave Doré ⋯ Il ritorno dellUn gran tempio con pochi ornamenti
28% Doré GalleryVincenzo Borghini
In Dante veggo essere grandissime e bellissime parti, e le principali tutte che si richieggon a un gran Poema. Che vi sia poi qualche difettuzzo o mancamento, io non lo niego: sia dell’uomo o dell’età, non rileva a questo punto di qual sia più perfetto e ⋯
Gustave Doré ⋯ Tale imperò che gentilezza volse
24% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Tale imperò che gentilezza volse, secondo ‘l suo parere, che fosse antica possession d’avere con reggimenti belli.
Egon Schiele ⋯ Sei la terra che aspetta
21% Cesare PavesePoesieSchiele Art
Hai un sangue, un respiro. Sei fatta di carne di capelli di sguardi anche tu. Terra e piante, cielo di marzo, luce, vibrano e ti somigliano ‒ il tuo riso e il tuo passo come acque che sussultano ‒ la tua ruga fra gli occhi come nubi raccolte ‒ il tuo tene⋯
Gustave Doré ⋯ Chi veder vuol la salute
20% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Chi veder vuol la salute, faccia che li occhi d’esta donna miri, sed è non teme angoscia di sospiri.
Zdzisław BeksińskiBatteva il sole su quel putridume
20% Charles BaudelairePoesie
Ricordi, anima mia, quel che vedemmo un bel mattino dolce d’estate dietro quel sentiero? una carogna infame, su un letto sparso di sassi: zampe all’aria, come una laida donna, ardente e trasudante veleni, spalancava il ventre indifferente e cinico tra tan⋯