Mother and son
Come quando, osservando il sole al tramonto scendere gioioso e sparire lento dietro nubi lontane, ci siamo per la prima volta ricordati d’un tratto che non è il sole a muoversi, è la Terra che gira, e abbiamo percepito con gli occhi pazzi della mente l’intero nostro pianeta, e noi con esso, roteare all’indietro, allontanandosi dal sole.
Sono gli occhi del pazzo sulla collina di Paul McCartney, che come tanti occhi di pazzi vedono più in là dei nostri assonnati occhi quotidiani.

Crediti
 • Carlo Rovelli •
 • L'ordine del tempo •
 • SchieleArt •  Mother and son •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Valorizza quello che puoi dare
61% AnonimoSchiele Art
Umano, vedo che stai piangendo perché è arrivato il mio momento. Non piangere, per favore, ti voglio spiegare alcune cose. Tu sei triste perché me ne sono andato, ma io invece sono felice perché ti ho conosciuto. Quanti come me ogni giorno muoiono senza a⋯
 ⋯ Lezioni di fisica
43% Carlo RovelliFisica
Abbiamo cento miliardi di neuroni nel nostro cervello, tanti quante le stelle di una galassia, e un numero ancora più astronomico di legami e combinazioni in cui questi possono trovarsi. Di tutto questo non siamo coscienti. Noi siamo il processo formato d⋯
Egon Schiele ⋯ L’asino
39% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
A volte sogno che Mario Santiago viene a prendermi con la sua motocicletta nera. Ci lasciamo alle spalle la città e man mano che le luci vanno sparendo Mario Santiago mi dice che si tratta di una moto rubata, l’ultima moto rubata per viaggiare attraverso ⋯
Egon Schiele ⋯ Ha donati gli occhi a le talpe
36% Giordano BrunoSchiele Art
Or ecco quello, ch’ha varcato l’aria, penetrato il cielo, discorse le stelle, trapassati gli margini del mondo, fatte svanir le fantastiche muraglia de le prime, ottave, none, decime ed altre, che vi s’avesser potuto aggiongere, sfere, per relazione de va⋯
Egon Schiele ⋯ Il fantasma di Edna Lieberman
33% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Ti fanno visita nell’ora più oscura tutti i tuoi amori perduti. La strada sterrata che portava al manicomio si dispiega ancora una volta come gli occhi di Edna Lieberman, come solo potevano i suoi occhi elevarsi al di sopra delle città e brillare. E brill⋯
Egon Schiele ⋯ Sitting girlCerchiamo un colpevole del nostro destino
32% Schiele ArtThomas Bernhard
Noi cerchiamo senza sosta di scoprire dei retroscena e non facciamo un solo passo in avanti, soltanto complichiamo e ingarbugliamo ancor più ciò che è già complicato e ingarbugliato. Cerchiamo un colpevole del nostro destino, che quasi sempre, se siamo on⋯