Gustave Doré ⋯
Ecco la fiera con la coda aguzza,
che passa i monti e rompe i muri e l’armi!
Ecco colei che tutto ‘l mondo appuzza!

Crediti
 • Dante Alighieri •
 • Sull'amore •
 • Pinterest • Gustave Doré  • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Gustave Doré ⋯ Gesù guarisce i malatiCome ‘l ramarro sotto la gran fersa
68% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Come ‘l ramarro sotto la gran fersa dei dì canicular, cangiando sepe, folgore par se la via attraversa, sì pareva, venendo verso l’epe de li altri due, un serpentello acceso, livido e nero come gran di pepe; e quella parte onde prima è preso nostro alimen⋯
 ⋯ Le donne della mia generazione
39% Luis SepúlvedaPoesie
Le donne della mia generazione aprirono i loro petali ribelli non di rose, camelie, orchidee o altre piante di salottini tristi, di casette borghesi, di usanze stantie, ma di erbe pellegrine al vento. Perché le donne della mia generazione fiorirono per st⋯
Egon Schiele ⋯ E poi arriva uno sguardo
29% Franco ArminioPoesieSchiele Art
E poi arriva uno sguardo, un urlo in cui il mondo si scuce, ti guarda da dentro e non ti riconosce. Allora senti che non c’è accordo con nessuno. Dunque: esci per incontrare un albero, innamorati del mondo, ma non farne una storia, un vanto. E sappi che l⋯
Gustave Doré ⋯ Daniel che confonde i preti di belQuali dal vento le gonfiate vele
27% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Quali dal vento le gonfiate vele caggiono avvolte, poi che l’alber fiacca, tal cadde a terra la fiera crudele.
Egon Schiele ⋯ FidanzateLa cosa più bella
26% PoesieSaffo di EresoSchiele Art
Alcuni dicono che la cosa più bella sulla nera terra Sia un esercito di cavalieri, altri di fanti, altri di navi, io invece quello di cui uno è innamorato. È semplicissimo rendere comprensibile ciò a ognuno: infatti colei che superò di molto gli uomini in⋯
Egon Schiele ⋯ Ti Adoro
25% Charles BaudelairePoesieSchiele Art
T’adoro al pari della volta notturna, o vaso di tristezza, o grande taciturna! E tanto più t’amo quanto più mi fuggi, o bella, e sembri, ornamento delle mie notti, ironicamente accumulare la distanza che separa le mie braccia dalle azzurrità infinite. Mi ⋯