⋯
A la recherche du temps perdu non è soltanto il più grande trattato sulle passioni umane offerto dal XX secolo, ma è anche il romanzo che si è più genialmente servito della quarta dimensione, il tempo, per delineare i personaggi. Questo tempo bergsoniano è quello della durata e del ricordo, nel cui edificio mirabile si ricrea la vita perduta e se ne estrae il senso essenziale, ed è il tempo dello scrivere che ripercorre l’esperienza e lo stesso ricordare. Nella sua stanza e a letto, dopo aver vissuto, Proust vive veramente, ossia ritrova il cuore della vita; l’attimo – la reminiscenza che affiora istantanea grazie al profumo della madeleine o al tintinnio di un cucchiaio – è il perno intorno al quale si dipana il filo del tempo ritrovato, di “tutto” il tempo ritrovato. I nomi e la loro eco riportano e ricreano non solo una figura, ma la realtà intera del mondo che non sarebbe tale senza quella eco e quell’ombra, così come sono l’apparire della signora Swann e il ricordo del suo apparire che danno senso e totalità al Bois de Boulogne.

La Recherche è lo struggente e sterminato catalogo che porta alla luce l’impalpabile vita del cuore umano, che l’esistenza rimuove come marginale e anarchica e che invece contiene l’essenza della vita vera, esiliata e impossibile nell’ambito della vita falsa e imperante: l’amore, la gelosia, il rimpianto, l’oblio, il desiderio e la sua estinzione, le struggenti e impercettibili intermittenze del cuore sono i luminosi frammenti di una biografia che non può costruirsi saldamente come nel romanzo classico, ma può vivere solo nella dispersione o nella sublimazione, e può essere costruita solo dal ricordo, dalla parola, dalla poesia.

Grande affresco sociale che cela sotto l’apparente snobismo il mistero della società ovvero la sua base economica, la Recherche è pure una grande opera di denuncia sociale, perché mette disperatamente a nudo il dissidio fra quella vita sociale e la vita vera che ne è avvolta e sepolta. Sinuoso e tentacolare, il periodo proustiano circuisce questa vita vera che brilla solo in absentia, solo nel ricordo e nella parola; la totalità epica di Proust, cui i biancospini di Combray o gli occhi azzurri della signora di Guermantes danno un volto incomparabile, è la totalità straziata e dispersa che giace nel cuore degli individui alienati e che solo il libro, il segno chiamato a rappresentare la vita, può magicamente ricostruire.

Nella pagina di Proust il minimo – il nome di un paese, una sfumatura di luce – riacquista piena dignità, brilla di luce inestinguibile: la luce della vita vera, che splende nella scrittura.

Crediti
 • Claudio Magris •
 • Una totalizzante epopea •
  • Brano tratto dall'Enciclopedia del '900 •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il secondo diario minimo
30% EstrattiUmberto Eco
Si tratta di immaginare come vari personaggi risponderebbero alla domanda “Come va?”   Icaro: Uno schianto  Proserpina: Mi sento giù  Prometeo: Mi rode…  Teseo: Finché mi danno corda…  Edipo: La mamma è co⋯
 ⋯ Pedro Páramo
27% EstrattiJuan Rulfo
Álvaro Mutis salì a grandi falcate i sei scalini di casa mia con un pacchetto di libri in mano, separò dal mucchio il più piccolo e sbellicandosi dal ridere mi disse: – Leggi questo, cazzo, e impara! – Era Pedro Páramo. Quella notte non potei dormire prim⋯
John P. Schaefer ⋯ Peniocereus marianusIl Sé reale
14% EstrattiWilliam Walker Atkinson
Questo Sé nel mio cuore è ben più piccolo di un chicco di riso, di orzo o di senape; più piccolo anche di un grano di syamaka e persino di una infinitesima parte di esso. Eppure questo Sé nel mio cuore è più grande della terra, più esteso dell’atmosfera, ⋯
 ⋯ Il cibo più delizioso
12% EstrattiJonathan Swift
È cosa ben triste vedere le strade affollate di donne che domandano l’elemosina seguite da tre, quattro o sei bambini tutti vestiti di stracci, e che importunano così i passanti. Penso che tutti i partiti siano d’accordo sul fatto che tutti questi bambini⋯
 ⋯ Attraversare il nichilismo
11% EstrattiNishitani Keiji
Riassumendo in una sola frase i giorni della mia giovinezza, devo dire che quello fu un periodo senza alcuna speranza. Meglio ancora, fu un periodo in cui tutte le speranze erano state sradicate fin dal profondo. Certo, in quei tempi il mio non era un pro⋯
 ⋯ L’uomo in rivolta
11% Albert CamusEstratti
Che cos’è un uomo in rivolta? Un uomo che dice no. Ma se rifiuta, non rinuncia tuttavia: è anche un uomo che dice di sì, fin dal suo primo muoversi. Uno schiavo che in tutta la sua vita ha ricevuto ordini, giudica ad un tratto inaccettabile un nuovo coman⋯