Gustave Doré ⋯
Era già l’ora che volge il disio
ai navicanti e ‘ntenerisce il core
lo dì c’ han detto ai dolci amici addio;
e che lo novo peregrin d’amore
punge, se ode squilla di lontano
che paia il giorno pianger che si more.

Crediti
 • Dante Alighieri •
 • Sull'amore, su dio •
  • VIII, 1-6 •
 • Pinterest • Gustave Doré  • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Egon Schiele ⋯ Crouching Nude GirlSilenziosa luna
60% Giacomo LeopardiPoesieSchiele Art
Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna? Sorgi la sera, e vai, Contemplando i deserti; indi ti posi. Ancor non sei tu paga Di riandare i sempiterni calli? Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Di mirar queste valli? Somiglia alla tu⋯
Gustave Doré ⋯ Cristo svenuto sotto la croceVoi che ‘ntendendo il terzo ciel movete
45% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Voi che ‘ntendendo il terzo ciel movete, udite il ragionar ch’è nel mio core, ch’io nol so dire altrui, sì mi par novo.
⋯ Aëla Labbé ⋯Il momento supremo dell’amore
36% Gunnar EkelöfPoesie
L’ora della verità È quanto più lontano da tutti gli orpelli dell’amore Lontano dal primo incontro Lontano dal sesso Lontano dalle carezze rassicuranti al capezzale del malato La mano che accarezza un’altra mano lentamente o accarezza una guancia Il momen⋯
Egon Schiele ⋯ L’ultimo canto d’amore di “El Chorito”
36% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Sudamericano in terra di goti, questo è il mio canto d’addio ora che gli ospedali tralasciano le colazioni e le ore del tè con un’insistenza che non posso che attribuire alla morte. Svaniti i crepuscoli lungamente studiati, finiti i giochi dilettevoli che⋯
Gustave Doré ⋯ Gesù guarisce i malatiCome ‘l ramarro sotto la gran fersa
33% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Come ‘l ramarro sotto la gran fersa dei dì canicular, cangiando sepe, folgore par se la via attraversa, sì pareva, venendo verso l’epe de li altri due, un serpentello acceso, livido e nero come gran di pepe; e quella parte onde prima è preso nostro alimen⋯
Gustave Doré ⋯ BarucQuali colombe, dal disio chiamate
32% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Quali colombe, dal disio chiamate, con l’ali alzate e ferme al dolce nido vegnon per l’aere, dal voler portate; cotali uscir de la schiera ov’è Dido, a noi venendo per l’aere maligno, sì forte fu l’affettüoso grido.