⋯

La cultura implica un senso di misura e di distacco da se stessi e di conseguenza un innalzamento al di sopra di sé verso l’universalità. Hans Georg Gadamer

 ⋯ Le immagini orfico-narcisistiche sono le immagini del Grande Rifiuto: del rifiuto di accettare la separazione dall’oggetto (o soggetto) libidico. Questo mira alla liberazione – alla riunione di ciò che è stato separato. Orfeo è l’archetipo del poeta come liberatore e creatore: egli istituisce nel mondo un ordine più alto – un ordine senza repressione. Nella sua persona l’arte, la libertà e la cultura sono eternamente unite. Egli è il poeta della redenzione, il dio che porta pace e salvezza pacificando l’uomo e la natura, e non con la forza ma col canto:

Orfeo, nunzio dè numi e sacerdote
Fece à vaghi di sangue uomin silvestri
La bocca sollevar dal fero pasto;
onde fu detto dè lion rabbiosi,
e delle tigri domator…
Dè prischi ecco il saper: da le profane
scerner le sacre; le private cose
da le comuni; freno a la vagante
Venere imporre; a maritali patti
dar norma; le città cigner di mura;
sù codici scolpir le nuove leggi. Orazio

Ma l’eroe civilizzatore, Orfeo, viene accreditato anche del fatto di aver stabilito un ordine molto diverso – ed egli lo paga con la vita:

… Orfeo aveva evitato ogni amore delle femmine sia per i suoi insuccessi in amore, e sia perché aveva dato una volta per tutte la sua parola. Pure molte donne provarono una passione per il vate; molte soffrirono per il loro amore rifiutato. Egli stabilì l’esempio per la gente di Tracia di dare il suo amore a teneri ragazzi e di godere della primavera e di tutti i fiori della loro adolescenza. Egli fu sbranato dalle donne trace impazzite. Ovidio

 ⋯ La tradizione classica collega Orfeo all’introduzione dell’omosessualità. Come Narciso, egli rifiuta l’Eros normale, non in favore di un ideale ascetico, ma per un Eros più pieno. Come Narciso, egli protesta contro l’ordine repressivo della sessualità procreativa. Eros orfico e narcisistico è fino in fondo la negazione di quest’ordine – il Grande Rifiuto. Nel mondo simbolizzato dall’eroe civilizzatore Prometeo, esso è la negazione di ogni ordine; ma in questa negazione Orfeo e Narciso rivelano una nuova realtà, con un ordine proprio, governato da principi diversi. L’Eros orfico trasforma l’essere: vince la crudeltà e la morte con la liberazione. Il suo linguaggio è canto e la sua opera è gioco. La vita di Narciso è una vita di bellezza, e la sua esistenza è contemplazione. Queste immagini ci portano a quella dimensione estetica che è la dimensione nella quale il loro principio della realtà va ricercato e comprovato. Herbert Marcuse

Crediti
 • Anna Maria Tocchetto •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ L’inconsolabile
452% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯
⋯  ⋯Sexistenza
194% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
 ⋯ Il Deserto
98% Anna Maria TocchettoArticoli
Vivere certo, è un po’ il contrario di esprimere. Secondo i grandi maestri toscani, è testimoniare tre volte, nel silenzio, nella fiamma e nell’immobilità. Ci vuole molto tempo per capire che i personaggi dei loro quadri, si incontrano ogni giorno nelle v⋯
⋯  ⋯Tirannia, Democrazia e Anarchia
73% FrammentiMaksim Gorkij
La Terra è il teatro di una lotta tra il Nero e il Rosso. La forza del Nero è la sua sete insaziabile di regnare sugli uomini. Crudele, avido e cattivo egli ha disteso sul mondo le sue ali pesanti e avviluppato tutto il globo nell’ombra gelida del suo ter⋯
 ⋯ Danzare su l’orlo arditamente
40% FrammentiGabriele D’Annunzio
Egli aveva esperimentata l’aderenza materiale con lo strato infimo della sua razza; e non altro era sorto in lui se non un senso d’invincibile orrore. Il suo essere non aveva radici in quel fondo; non poteva aver nulla di comune con quella moltitudine che⋯
⋯  ⋯Pensavo nella bergère
40% FrammentiThomas Bernhard
Sono stato io a voltare le spalle a costoro, non loro a me, pensavo. Noi ci leghiamo a queste persone a filo doppio, poi, tutt’a un tratto le detestiamo e le lasciamo andare. Per anni corriamo loro appresso e mendichiamo la loro simpatia, pensavo, e a un ⋯