Evento che subentra all’aspettativa
C’è una relazione interna tra desiderio e soddisfacimento così come tra voler dire e dire, tra aspettativa e adempimento. Il cercare presuppone che io sappia ciò che sto cercando. Come so di aver trovato proprio quello che ho cercato finora? Lo so poiché ciò che ho trovato subentra a ciò che cercavo. Allo stesso modo so che qualcosa appaga il mio desiderio in quanto ciò che ora mi appaga è subentrato al desiderio, ha colmato la mancanza: l’evento che subentra all’aspettativa è la risposta all’aspettativa. Il desiderio appare così come un contenitore che aspetta di essere riempito: il suo soddisfacimento sembra predeterminato. Desiderio e appagamento sono come il volume vuoto e il volume pieno di un corpo. Il desiderio anticipa il suo soddisfacimento, “ne crea in questo senso un modello”. Il soddisfacimento deve essere nello stesso spazio grammaticale del desiderio, deve essere preordinato: ciò che soddisfa il desiderio è ciò che è precisamente desiderato da esso. La forma piena può sostituire quella vuota solo in quanto quest’ultima, quella del desiderio, è simile a ciò che la riempie, al suo soddisfacimento, è simile cioè all’evento della realtà che ne prende il posto.

Crediti
 • Ludwig Wittgenstein •
 • Pinterest • Kiyo Murakami  •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
809% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
212% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ La violenza nella storia
163% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯
 ⋯ Arricchire la visione del mondo
121% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯
 ⋯ Perché le cose hanno contorni?
117% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul “contesto” in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i⋯
⋯  ⋯Il fenomeno è illusione e apparenza
92% ArticoliAutori VariFilosofia
Hegel, insediato dall’alto, dalle forze al potere, fu un ciarlatano di mente ottusa, insipido, nauseabondo, illetterato che raggiunse il colmo dell’audacia scarabocchiando e scodellando i più pazzi e mistificanti non-sensi. Questi non-sensi sono stati chi⋯