Egon Schiele ⋯ Selbstbildnis
Ma, davvero, ho troppo pianto.
Le albe sono strazianti, ogni luna
è atroce ed ogni sole amaro.
L’acre amore m’ ha gonfiato
di torpori inebrianti.
Oh, esploda la mia chiglia!
Oh, ch’io m’inabissi nel mare!
Se desidero un’acqua d’Europa,
è la pozzanghera nera e fredda dove,
verso il crepuscolo aulente, un bimbo
accoccolato, pieno di tristezza,
vara una barchetta fragile
come una farfalla di maggio.

Crediti
 • Arthur Rimbaud •
 • SchieleArt •  Selbstbildnis • 1915 •

Similari
Il mercantile
492% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Globalità e Cosmopolitismo
230% ArticoliUlrich Beck
Ulrich Beck (1944) è considerato uno dei “maggiori autori” della sociologia contemporanea. Il suo criterio riguardo la modernità riflessiva, la società del rischio e il cosmopolitismo ha fatto di questo sociologo tedesco, uno dei grandi referenti del pens⋯
Il caso Nietzsche
191% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Racconto Azzurro
167% ArticoliMarguerite YourcenarRacconti
I mercanti venuti dall’Europa erano seduti sul ponte, davanti al mare blu nell’ombra color indaco delle vele ampiamente rappezzate di grigio. Il sole cambiava senza posa di posto tra i cordami e il rullio lo faceva saltar via come una palla da una rete co⋯
Sapere di non essere
160% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯