André Kertész  ⋯
Ci si chiede perché mai abbia tanto fascino l’utopia. Non è facile rispondere. C’è in essa un’ardente aspirazione al cambiamento ed essa ha spesso ragione nella critica dell’attuale stato di cose. Il mondo dell’utopismo, però, è schizoide. Volendo radicalmente mutare la realtà effettuale, invece di comprenderla fino in fondo per trasformarla in meglio, prende ben presto congedo da essa: l’utopia diviene sempre, appunto, «non-luogo», fuga dal reale nei cieli fioriti della fantasticheria.
Integralmente manicheista e pessimista per quanto riguarda il passato del cammino umano, e peggio ancora per il presente, sogna ad occhi aperti le magnifiche sorti e progressive della società futura. Essa non si pone mai «il problema del giorno dopo»: quali nuove minacce di alienazione saranno messe in atto dal realizzarsi stesso della rivoluzione, dall’assunzione del potere da parte dell’utopia?
L’utopia, che sorge come rivendicazione di un’assoluta libertà, mette così capo a sistemi di totalitaria oppressione, cinicamente giustificati come vie necessarie al raggiungimento dello scopo.
Il giudizio di Hegel sugli utopisti è di un’implacabile durezza: essi – dice il filosofo di Stoccarda – possono sorgere solo negli interstizi della società, così come i pidocchi che non vivono senza un corpo organico di cui sono parassiti. Io preferisco l’immagine di Baudelaire: l’utopia è come l’albatro, bello nel cielo quando vola, goffo quando tocca terra. Quando però l’utopia è al potere, non è più questione di… goffaggine, bensì di lacrime e sangue. «Nessuna utopia può essere realizzata senza il terrore; ma poi rimane solamente il terrore»

Crediti
E. V. Kohak
Requiem for Utopia
Pinterest • André Kertész
Similari
Il caso Nietzsche
539% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
366% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
336% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Il potere e l’onore
287% ArticoliGiuseppe TortoraPolitica
Quando penso a certi personaggi che hanno popolato le nostre aule parlamentari, non riesco a fare a meno di pensare ad una famosa scena del film «Totò a colori». In treno, in uno scompartimento del vagon-lit, il sospettoso Antonio Scannagatti, musicista i⋯
La scrittura delle donne
247% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯