Egon Schiele ⋯ Selbstbildnis
Come surrogato provvisorio Kant ha fornito il suo postulato della ragione pratica e la sua teologia morale, che, senza avere alcuna pretesa di validità oggettiva per il sapere o la ragione teoretica, debbono avere validità assoluta per l’agire o la ragione pratica, nonché per la fede priva di sapere che ne deriva. Con ciò egli non voleva certo affermare né sottintendere altro che la supposizione di un Dio giusto e imparziale dopo la morte costituisce uno schema utile e sufficiente a interpretare il significato etico dell’agire da un punto di vista emotivo e a guidare questo agire, come se tale schema fosse un’allegoria della verità; così la rinascita, di cui parlano gli Indiani, nella forma di colui che abbiamo danneggiato, e il fatto che in seguito subiremo esattamente quanto ora gli infliggiamo, rappresenta un altro schema simile, che ha la stessa tendenza, ma un valore certamente superiore.
Inoltre in questa prospettiva tali supposizioni possono sostituire la verità, da cui potrebbero peraltro essere assai lontani in senso sia teoretico sia oggettivo.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • SchieleArt •  selbstbildnis • 1912 •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
607% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
 ⋯ Arricchire la visione del mondo
179% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
156% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ La violenza nella storia
129% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯
 ⋯ Perché le cose hanno contorni?
95% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul “contesto” in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i⋯
 ⋯ Filosofia e rivoluzione: il testo, il contesto e la trama
93% ArticoliFilosofiaRaimon Panikkar
“Philosophy and Revolution: the Text, the Context and the Texture” è un articolo che Panikkar ha pubblicato nel luglio del 1973 sulla rivista di studi interculturali «Philosophy East and West», vol. 23, n° 3, pp. 315-322. Mai apparso in traduzione italian⋯