Gustave Doré ⋯
Fer la città sovra quell’ossa morte;
e per colei che ‘l loco prima elesse,
Mantüa l’appellar sanz’altra sorte.

Crediti
 • Dante Alighieri •
 • Sulla morte •
  • XX, 91-93 •
 • Pinterest • Gustave Doré  • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Egon Schiele ⋯ Crouching Nude GirlSilenziosa luna
114% Giacomo LeopardiPoesieSchiele Art
Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna? Sorgi la sera, e vai, Contemplando i deserti; indi ti posi. Ancor non sei tu paga Di riandare i sempiterni calli? Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Di mirar queste valli? Somiglia alla tu⋯
 ⋯ Pur Virgilio si trasse a lei, pregando
84% Dante AlighieriDoré Gallery
Pur Virgilio si trasse a lei, pregando che ne mostrasse la miglior salita; e quella non rispuose al suo dimando, ama di nostro paese e de la vita ci ‘nchiese; e ‘l dolce duca incominciava “Mantüa…”, e l’ombra, tutta in sé romita, surse ver’ lui del loco⋯
Egon Schiele ⋯ Vita, morte
69% Carlo MichelstaedterPoesieSchiele Art
Vita, morte, la vita nella morte; morte, vita, la morte nella vita. Noi col filo col filo della vita nostra sorte filammo a questa morte. E più forte è il sogno della vita – se la morte a vivere ci aita ma la vita la vita non è vita se la morte la morte è⋯
Gustave Doré ⋯ De l’Eneïda dico, la qual mamma
49% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
De l’Eneïda dico, la qual mamma fummi, e fummi nutrice, poetando: sanz’essa non fermai peso di dramma.
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
42% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
Gustave Doré ⋯ Conversione di SaulGuardando nel suo Figlio con l’Amore
37% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Guardando nel suo Figlio con l’Amore che l’uno e l’altro etternalmente spira, lo primo e ineffabile Valore quanto per mente e per loco si gira con tant’ ordine fé, ch’esser non puote sanza gustar di lui chi ciò rimira.