Jean-Louis Forain ⋯ Arthur Rimbaud

Scrivevo dei silenzi, delle notti, annotavo l’inesprimibile. Fissavo delle vertigini.


Crediti
 • Arthur Rimbaud •
  • Originale: J'écrivais des silences, des nuits, je notais l'inexprimable. Je fixais des vertiges. •
 • Pinterest • Jean-Louis Forain Arthur Rimbaud • 1872 •

Similari
Scrivo che scrivo
280% PercorsiSalvador Elizondo
Mentalmente mi vedo scrivere che scrivo e anche posso vedermi vedere che scrivo. Mi ricordo scrivendo ora e anche vedendomi che scrivevo. E mi vedo ricordando che mi vedo scrivere e mi ricordo vedendomi ricordare che scrivevo e scrivo vedendomi scrivere c⋯
Scrivevo silenzi, notti…
275% Arthur RimbaudPercorsi
Disciplinai la forma e il movimento di ogni consonante e, con ritmi istintivi, mi lusingai di inventare un verbo poetico accessibile, un giorno o l’altro, a tutti i sensi. Riservavo la traduzione. Fu all’inizio uno studio. Scrivevo silenzi, notti, segnavo⋯
Il caso Nietzsche
173% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
125% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Il mercantile
82% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯