Jean-Louis Forain ⋯ Arthur Rimbaud

Scrivevo dei silenzi, delle notti, annotavo l’inesprimibile. Fissavo delle vertigini.


Crediti
 • Arthur Rimbaud •
  • Originale: J'écrivais des silences, des nuits, je notais l'inexprimable. Je fixais des vertiges. •
 • Pinterest • Jean-Louis Forain Arthur Rimbaud • 1872 •

Similari
 ⋯ Leslie Ann OScrivevo silenzi, notti…
248% Arthur RimbaudPercorsi
Disciplinai la forma e il movimento di ogni consonante e, con ritmi istintivi, mi lusingai di inventare un verbo poetico accessibile, un giorno o l’altro, a tutti i sensi. Riservavo la traduzione. Fu all’inizio uno studio. Scrivevo silenzi, notti, segnavo⋯
⋯ Gustav Klimt ⋯Per un solo verso
48% PoesieRainer Maria Rilke
Per un solo verso si devono vedere molte città, uomini e cose, si devono conoscere gli animali, si deve sentire come gli uccelli volano, e sapere i gesti con cui i fiori si schiudono al mattino. Si deve poter ripensare a sentieri in regioni sconosciute, a⋯
⋯ Caravaggio ⋯Celebrare la bellezza
47% AforismiThomas Mann
La sua bellezza era inesprimibile e, come altre volte, Aschenbach sentì con dolore che la parola può, sì, celebrare la bellezza, ma non è capace di esprimerla.
Alessandro SerraOrigine vertigine
39% Nelo RisiPoesie
Voce delle cose delle onde delle piante brusii sommessi frammenti in quel silenzio così la musica tra due silenzi un primo fondamento ha il seme che dall’origine ci appartiene è la parola un corpo fatto della stessa carne dell’uomo e del mondo capogiro in⋯
Egon Schiele ⋯ Nudo femminile con calze verdiMio giorno
37% Ferruccio MasiniPoesieSchiele Art
che ti disseti nell’ombra tagliente del pietrisco nella vertigine delle più alte torri sei quel poco che mi fu concesso per elevarmi fino alla mia statura e scavare la terra e far crescere il grano Gli anni che si distillano nei tuoi silenzi sono un filo ⋯
Oleg Shuplyak ⋯ Giungere all’ignoto!
35% Arthur RimbaudJohann Wolfgang GoetheLinguaggio
Nella vita ordinaria il linguaggio è appena sufficiente per capirsi perché con esso indichiamo solo relazioni superficiali. Non appena si parla di relazioni più profonde, allora emerge improvvisamente un altro linguaggio, quello poetico.Johann Wolfgang Go⋯