Flipper – Sex Bomb
Un vortice d’acqua torbida che scorre lento e inesorabile, un suono putrido, paludoso, saturo di dissonanze e animato da una cadenza ripetitiva e lentissima, al limite del sonnambulismo: Generic Album non è un disco devastante né shockante, agisce piuttosto come un fluido tossico che entra in circolo. L’esecuzione è da folli criminali, ma i quattro Flipper sembravano fare di tutto per liberarsi del background hardcore: non dotati tecnicamente, preferivano accentuare l’imperfezione formale rallentando all’inverosimile i brani, anziché nasconderla suonando a velocità doppia. Anzi, in certi casi è persino una sarcastica parodia della depressione paranoica dei punk (che più punk non potrebbe essere). Su tutto si leva il pandemonio infernale di Sex Bomb, un caotico sabba a ritmo tribale squarciato da urla sataniche, crivellato dal fischio di un sintetizzatore e dal ritornello trionfale di sassofono, un incrocio fra jam free-jazz e danza pellerossa, cupa e demenziale. Il fragore del corpo.

Crediti
 • Piero Scaruffi •
 • Flipper •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
 ⋯ Il mercantile
210% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

Egon Schiele ⋯ Il suono di una sola mano
132% Mujū IchienRaccontiSchiele Art
Il maestro del tempio Kennin era Mokurai, Tuono Silenzioso. Aveva un piccolo protetto, un certo Toyo, un ragazzo appena dodicenne. Toyo vedeva che i discepoli più grandi andavano ogni mattina e ogni sera nella stanza del maestro per essere istruiti nel Sa⋯

 ⋯ Il caso Nietzsche
115% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Sapere di non essere
108% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

 ⋯ Il Codice di Hammurabi
96% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯

Egon Schiele ⋯ Si comincia con un temporale
83% Guido BarbujaniSchiele Art
Poi a un certo punto arrivano le madri, raccontava Peter. Si piazzano lì vicino, ti guardano e non dicono niente. Si sporgono sul bordo dello scavo come se fossero certe di riconoscere subito, in mezzo alle ossa che tiriamo fuori, il femore o il cranio de⋯