⋯
In generale l’intelligenza e il grado d’istruzione del paziente hanno un’importanza considerevole per la prognosi. In casi di episodi acuti in via di remissione e nello stadio iniziale sembra a me che abbia molto valore una discussione chiarificatrice dei sintomi, specialmente del contenuto psicotico. Poiché la fascinazione prodotta dai contenuti archetipici è particolarmente pericolosa, mi sembra che la spiegazione del significato impersonale generale di questi sia particolarmente utile, e ciò in certo contrasto con la consueta discussione dei complessi personali. Mi sono fatto una regola di fornire al paziente intelligente tutte le conoscenze psicologiche possibili. Quanto più egli sa in questo campo, tanto meglio evolve la sua prognosi; perché se egli è munito delle necessarie conoscenze, può affrontare con la ragione le nuove irruzioni dell’inconscio e in tal modo assimilare e integrare nella sua coscienza gli strani contenuti dell’inconscio. Perciò, nei casi in cui i pazienti ricordano il contenuto della loro psicosi, sono solito discuterlo esaurientemente con il malato e aprirgliene quanto più possibile la comprensione. Questo modo di procedere, tuttavia, richiede al medico qualcosa di più delle sole conoscenze psichiatriche, perché egli dev’essere ben informato sulla mitologia, la psicologia primitiva ecc. Tali conoscenze appartengono al giorno d’oggi all’armamentario dello psicoterapeuta, così come del resto costituivano una parte sostanziale del sapere medico fino all’età dell’illuminismo (si pensi per esempio ai medici paracelsiani del Medioevo). Non si può affrontare la psiche umana, specialmente in condizioni di sofferenza, con l’ignoranza di un profano che della psiche conosce solo i complessi personali; per la ragione stessa per cui anche la medicina somatica presuppone un’approfondita conoscenza dell’anatomia e della fisiologia. Perché come esiste un corpo umano oggettivo e non solo uno soggettivo e personale, così esiste anche una psiche oggettiva (inconscio collettivo), con le sue specifiche strutture e attività di cui lo psicoterapeuta dovrebbe avere almeno una conoscenza sufficiente. A questo riguardo, comunque, nell’ultimo mezzo secolo ben poco è cambiato. Ci sono sì dei tentativi, a mio giudizio prematuri, di formazione d’una teoria, che però si perdono nei pregiudizi professionali e nell’insufficiente conoscenza dei fatti.

Crediti
 • Carl Gustav Jung •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
501% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
391% ArticoliEduard PunsetJohn BarghNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯
 ⋯ L’invenzione dell’inconscio
168% ArticoliJacques LacanPsicologia
Il movimento fondamentale dell’insegnamento di Lacan è un ritorno a quella che egli considera l’invenzione principale di Freud: l’inconscio. Lacan sottolinea l’inconscio come invenzione di Freud, nel senso che questi, non è il Cristoforo Colombo della psi⋯
 ⋯ Quando l’odio è senza controllo
132% PsicologiaUmberto Galimberti
Perché ci spaventa la strage di Erba, dove una coppia di vicini uccide una madre, il suo bambino, la nonna e la signora della porta accanto? Lo spettacolo è truce, ma forse quel che più ci angoscia non è tanto la sua truculenza, quanto sapere se noi siamo⋯
 ⋯ La società dell’efficienza
122% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A settant’anni dalla morte di Freud vien da chiedersi che cosa sopravvive della sua teoria e che cosa invece si è rivelato caduco. È questa una domanda legittima, ma che forse vale solo per le scienze esatte, dove verifiche oggettive e sperimentazioni sem⋯
Tra neuroscienze, psicologia e letteratura, la nascita di unIl cervello raccontato
114% ArticoliNeuroscienzePaolo Pecere
Il rapporto tra l’attività cerebrale e l’identità di una persona è un tema attualissimo, che fin dalle sue prime formulazioni moderne ha messo in questione il ruolo della narrazione: come può collegarsi l’operare dei miliardi di neuroni che compongono il ⋯