Giochiamo a sfiorare le cose
La nostra vita è foglia e tronco, bolla d’acqua, schiuma d’onda. Noi giochiamo a sfiorare le cose, non fuggiamo. Mutiamo. Questo è il nostro desiderio e il destino.

Crediti
 • Cesare Pavese •
 • Dialoghi con Leucò •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ L’uno contiene il tutto
86% Schiele ArtThich Nhat Hanh
Generalmente si pensa che una foglia sia nata a primavera, ma Gautama vide che esisteva già da tanto, tanto tempo nella luce del sole, nelle nuvole, nell’albero, in se stesso. Comprendendo che quella foglia non era mai nata, comprese che anche lui non era⋯
Egon Schiele ⋯ Gioco infinito delle emozioni
82% Schiele ArtTony Kospan
Un giorno l’onda chiese al mare: “mi vuoi bene?”. Ed il mare le rispose: “Il mio bene è così forte che ogni volta che t’ allontani verso la terra io ti tiro indietro per riprenderti tra le mie braccia. Senza te la mia vita sarebbe insignificante. Sarei un⋯
 ⋯ L’inconsolabile
81% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯
Egon Schiele ⋯ Ognuno di noi è una goccia d’acqua
59% Raimon PanikkarSchiele Art
Ognuno di noi è una goccia d’acqua. Quest’acqua a un certo momento o evapora nel nulla o cade nel mare… Quando noi moriamo cosa capita alla mia goccia d’acqua? Dipende da chi sono io: la goccia d’acqua o l’acqua della goccia? Se sono la goccia d’acqua, ⋯
Egon Schiele ⋯ Settembre
57% Maria VenturiniSchiele Art
Una passeggiata in un viale tranquillo e una sosta in panchina, magari ad occhi chiusi per difendersi dal sole; improvviso il suono di una foglia secca trascinata dal vento sull’asfalto ed è subito settembre. È la prima solitaria sentinella dell’estate ch⋯
Egon Schiele ⋯ L’uomo cerca di perdersi
51% José Bergamín GutiérrezSchiele Art
Giochiamo a perderci, da bambini. Giochiamo a perderci per tutta la vita. L’uomo conserva, nel suo essere più profondo, quest’ansia pura di eterno smarrimento. L’uomo gioca perché giocando perde; o può perdere qualcosa, e può perdere col gioco qualcosa di⋯