Gli artisti non vivono nel presente

«Che ci fa tante ore nello studio se non dipinge più?» Marina mi prese il polso per sentire le pulsazioni. «Perché è un artista.» Disse. «Gli artisti vivono nel passato o nel futuro; mai nel presente. Germàn vive di ricordi. È tutto quello che ha.»

Crediti
 • Carlos Ruiz Zafón •
 • Marina •
 • Pinterest • Alison Scarpulla  •  •

Similari
KEileena ⋯ Le petit princeCi vogliono i riti
109% Antoine de Saint-ExuperyFrammenti
In quel momento apparve la volpe. — Buon giorno, disse la volpe. —Buon giorno, rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno. — Sono qui, disse la voce, sotto al melo… — Chi sei? domandò il piccolo principe, sei molto carino..⋯
 ⋯ La sofferenza dell’essere bella
69% Alessandro BariccoFrammenti
Elena è una donna sola che vuole tornare a casa. Stanca di essere guardata, di essere additata come causa primordiale di tutte le sciagure o come causa di morte di migliaia di persone, accecate dal vapore velenoso del suo splendore. Ogni volta che si affo⋯
Max Beckmann ⋯ The TrapezeArtista del No
42% Enrique Vila-MatasFrammenti
Mi sono svegliato molto presto e, mentre preparavo la colazione, mi sono messo a pensare a tutta la gente che non scrive e all’improvviso mi sono reso conto che in realtà oltre il 99% dell’umanità preferisce, nel più puro stile Bartleby, non farlo, non sc⋯
Un manager e un estetaUn manager e un esteta
39% FrammentiPaolo Magri
Svela le sue opere in giacca e cravatta, come un impiegato modello. Ha l’aria da bravo ragazzo, non certo da artista tormentato. Eppure è uno tra i protagonisti più celebri e controversi dell’arte dei nostri tempi: è Jeff Koons. Un manager e un esteta, un⋯
⋯  ⋯Sapere dove è l’identità è una domanda senza risposta
35% Autori VariFrammenti
Mi sono moltiplicato per sentire, per sentirmi, ho dovuto sentire tutto, sono straripato, non ho altro che traboccarmi, e in ogni angolo della mia anima c’è un altare a un dio differente. Mi sento multiplo. Sono come una stanza dagli innumerevoli specchi ⋯
 ⋯ Proust: l’edificio immenso del ricordo
35% Ermanno BencivengaFrammenti
(…) Ma quando niente sussiste d’un passato antico, dopo la morte degli esseri, dopo la distruzione delle cose, più tenui ma più vividi, più immateriali, più persistenti, più fedeli, l’odore e il sapore, lungo tempo ancora perdurano, come anime, a ricordar⋯