Egon Schiele ⋯

Due specchi uno di fronte all’altro: per il miope significa confusione, per il presbite immensità.


Crediti
 • Arthur Schnitzler •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Il gioco degli occhi
64% Elias CanettiSchiele Art
Già un anno prima, e in origine senza alcuna relazione con gli avvenimenti del tempo, mi ero messo a lavorare intorno all’idea di un divieto contro gli specchi. Quando andavo dal parrucchiere a farmi tagliare i capelli, era imbarazzante dover guardare sem⋯
Egon Schiele ⋯ Amare gli uomini e amare le cose
60% Schiele ArtUgo Spirito
Perché la pietra che mi è di fronte come realtà diversa dall’uomo, e propriamente come realtà non cosciente di fronte a realtà cosciente, se mi sforzo di comprenderla davvero, a poco a poco perde la sua opacità e si vivifica rivelandosi nella sua struttur⋯
Egon Schiele ⋯ Girl with Raised ArmsL’invenzione di Archimede
57% Autori VariSchiele Art
Tra le macchine da guerra inventate da Archimede sono rimasti celebri gli specchi ustori. Lo scienziato aveva compreso la possibilità di concentrare la luce del Sole con uno specchio concavo formato da centinaia di scudi metallici e di orientarla, riflett⋯
Egon Schiele ⋯ Max OppenheimerLa guardai mentre si allontanava
54% Philip RothSchiele Art
La prima volta che la vidi, Brenda mi chiese di tenerle gli occhiali. Poi avanzò fino all’orlo del trampolino e guardò confusamente nella piscina; fosse stata asciutta, miope com’era, non se ne sarebbe accorta. Si tuffò mirabilmente, e dopo un attimo stav⋯
Egon Schiele ⋯ Giovane ragazza sedutaFernando Pessoa
50% Eugenio BaroncelliSchiele Art
Lisbona, ospedale San Luis de los Franceses, 30 novembre 1935. È miope. Vede arrivare un’ombra, e dice Datemi gli occhiali. Cinque minuti dopo, finito dalla cirrosi, se ne va. Va bene, muore. Ma chi è morto? È stato tre porti e molti uomini, uno dei quali⋯
Egon Schiele ⋯ Gli uomini somigliano a orologi
44% Arthur SchopenhauerSchiele Art
Gli uomini somigliano a orologi che vengono caricati e camminano, senza sapere il perché; ed ogni volta che un uomo viene generato e partorito, è l’orologio della vita umana di nuovo caricato, per ancora una volta ripetere, frase per frase, battuta per ba⋯