⋯
Silenzioso è il fondo del mio mare: chi indovinerebbe che vi si nascondono bizzarri mostri?
Inalterabile è la mia profondità: ma essa risplende di enigmi e di risa a fior d’onda.
Un sublime, vidi oggi, un solenne, un penitente dello spirito: oh, quanto rise l’anima mia della sua bruttezza!
Col petto gonfio, simile a colui che aspira: così se ne stava quel sublime, e silenzioso…
Ornato d’orribili verità, il suo bottino di caccia; e ricco di abiti cenciosi; anche molte spine pendevan da lui – ma non vidi una rosa.
Egli non ha ancora imparato il riso e la bellezza.
Cupo, era tornato questo cacciatore dalla foresta della conoscenza.
Ritornò dalla lotta contro bestie selvaggie: ma la sua serietà rivelava ancora una bestia selvaggia – non domata!
Egli stava là come tigre che vuol spiccare un salto; ma a me non piacciono coteste anime tese, non mi vanno tali esseri chiusi in sè stessi.
E voi mi dite, amici, che non bisogna disputare intorno ai gusti? Ma se tutta la vita è una lotta per i gusti!
Il gusto: è insieme il peso e la bilancia di colui che pesa; guai a chi vive se volesse vivere senza disputare sul peso e la bilancia di coloro che pesano!
Se questo sublime si stancasse della sua eccellenza: allora soltanto si rivelerebbe la sua bellezza, – allora soltanto io vorrei gustarlo e gli troverei sapore.
Solo quando si sarà allontanato da sè stesso egli potrà saltare oltre la propria ombra! – dentro il suo sole.
Troppo a lungo sedette egli ne l’ombra; le guance impallidirono al penitente dello spirito; quasi morì affamato nella sua attesa.
Disprezzo c’è ancora nell’occhio suo; e le labbra s’atteggiano ancora al fastidio. Egli riposa, è vero, ma il suo riposo non s’è ancor disteso al sole.
Egli si dovrebbe far simile al toro; e la sua felicità dovrebbe aver l’odore della terra e non del disprezzo della terra.
Vorrei vederlo come il toro bianco che precede sbuffante e muggente l’aratro: e il suo muggito dovrebbe esaltare tutto ciò ch’è terreno!
È ancor tenebroso il suo volto; l’ombra della sua mano l’oscura ancora. È ancor offuscato il senso dell’occhio suo. La sua stessa azione l’avvolge come in un’ombra: la mano oscura l’attore. Egli non ha ancora superato il suo atto. Mi piace in lui il collo di toro: ma voglio vedere in lui anche lo sguardo d’angelo.
Egli deve dimenticare anche la sua volontà di eroe: voglio che sia un uomo elevato e non soltanto un uomo sublime: – l’etere stesso dovrebbe sollevare colui che ha perduto la volontà!
Egli vinse le fiere, egli sciolse gli enigmi: ma dovrebbe redimere ancora i mostri e i misteri che ha in sè, e trasfigurarli in divini fanciulli.
La sua conoscenza non imparò ancora a sorridere e ad essere senza gelosia; la sua fluttuante passione non s’è ancora calmata nella bellezza.
In vero, non nella sazietà ma nella bellezza devono tacere e sommergersi i suoi desideri! La grazia appartiene a coloro che hanno il pensiero elevato.
Col braccio sopra la testa: così dovrebbe riposare l’eroe e vincere così il suo stesso riposo.
Ma appunto all’eroe il bello appare come la più difficile delle cose. Irraggiungibile è il bello per ogni volontà troppo impetuosa.
Un po’ più, un po’ meno: ciò appunto è qui molto, è qui tutto.
Starsene coi muscoli inattivi e la volontà disarmata: ecco ciò che riesce più difficile d’ogni altra cosa, o sublimi!
Quando la potenza s’è fatta clemente e discende nel visibile: chiamo bellezza una tale discesa.
E a nessuno chiedo come a te, o potente, la bellezza: la tua bontà sia l’ultima tua vittoria su te stesso.
Io ti stimo capace di tutto ciò che è perverso: perciò ti domando il bene.
In verità, io risi assai spesso dei deboli, che si credevano buoni perchè avevan rattrappite le zampe!
Imita la virtù della colonna: essa diviene sempre più bella e delicata ma internamente più dura e atta a sostenere il peso quanto maggiormente s’eleva.
Sì, o sublime, un giorno tu sarai anche bello, e porgerai lo specchio alla tua propria bellezza.
Allora l’anima tua proverà il brivido dei desideri divini; e vi sarà adorazione nella tua vanità!
Giacchè è questo il mistero dell’anima: solo quando l’eroe l’ha abbandonata, le si appressa, nel sogno – il super-eroe.

Crediti
 • Friedrich Nietzsche •
 • Così parlò Zarathustra •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
673% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Il Codice di Hammurabi
524% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
Sapere di non essere
366% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
352% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Gli uomini sublimi
342% FilosofiaFriedrich Nietzsche
Silenzioso è il fondo del mio mare: chi indovinerebbe che vi si nascondono bizzarri mostri? Inalterabile è la mia profondità: ma essa risplende di enigmi e di risa a fior d’onda. Un sublime, vidi oggi, un solenne, un penitente dello spirito: oh, quanto ri⋯