⋯ Monika Ekiert Jezusek ⋯
Il testo di godimento è assolutamente intransitivo. Pure, la perversione non basta a definire il godimento; è l’estremo della perversione a definirlo: estremo sempre spostato, estremo vuoto, mobile, imprevedibile. Questo estremo garantisce il godimento: una perversione media si carica ben presto di un gioco di mentalità subalterne: prestigio, ostentazione, rivalità, discorso, parate.

Crediti
 • Roland Barthes •
 • Monika Ekiert Jezusek •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
363% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Cosa vuole una donna?
53% Giuseppe AntonelliLinguaggio
“Un certo Hegel” dice Lacan nel Seminario XVII su Il rovescio della psicoanalisi “ha articolato che essa gli viene svelata dal lavoro del servo. Solo che questo discorso di Hegel è un discorso da padrone”. E più avanti: “La filosofia ha giocato il ruolo d⋯
Il trionfo di PanLa grana della voce
42% LinguaggioRoland Barthes
Il piacere è legato ad una consistenza dell’io, del soggetto, che si rassicura in valori di comfort, di distensione, di agio. All’opposto il godimento è il sistema di lettura, o di enunciazione, attraverso cui il soggetto, invece di consistere, si perde, ⋯
 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
29% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine “postmoderno”, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e ⋯
 ⋯ Inconoscibile
28% FrammentiRoland Barthes
Sforzi del soggetto amoroso per capire e definire l’essere amato in sé, come tipo caratteriale, psicologico o nevrotico, indipendentemente dalle peculiari cognizioni del rapporto amoroso. Io sono prigioniero di questa contraddizione: da una parte, credo d⋯
Egon Schiele ⋯ Città GiallaUn fiume di parole oscura l’argomento
22% LinguaggioMartin HeideggerSchiele Art
Nel corso di una conversazione chi tace può “far capire”, cioè promuovere la conversazione, più autenticamente di chi non finisce mai di parlare. L’ampiezza di un discorso su qualcosa non garantisce affatto l’ampiezza della comprensione delle cose. Al con⋯