Josephine Sacabo
Ho pelle di sera adesso,
il cuore cullato dal crepuscolo,
un sorriso stanco e mite,
come una speranza arresa.
Ma voglio esserci ancora
perché da qualche parte
qualcosa sorride ancora.
E posso esser vivo e qui,
con un fiammifero contro la notte.

Crediti
 • Davide Cortese •
 • Pinterest • Josephine Sacabo  •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with FruitLasciatemi esser felice
70% Pablo NerudaPoesieSchiele Art
Questa volta lasciatemi esser felice non è successo nulla a nessuno non sono in alcuna parte accade solamente che sono felice in tutte le parti del cuore camminando dormendo o scrivendo che ci posso fare, sono felice Son più innumerevole dell’erba nelle p⋯
Egon Schiele ⋯ Crouching Nude GirlSilenziosa luna
34% Giacomo LeopardiPoesieSchiele Art
Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna? Sorgi la sera, e vai, Contemplando i deserti; indi ti posi. Ancor non sei tu paga Di riandare i sempiterni calli? Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Di mirar queste valli? Somiglia alla tu⋯
 ⋯ Inventa le mie parole
32% Jorge Luis BorgesPoesie
Chi abbraccia una donna è Adamo. La donna è Eva. Tutto accade per la prima volta. Ho visto una cosa bianca in cielo. Mi dicono che è la luna, ma che posso fare con una parola e con una mitologia? Gli alberi mi fanno poco paura. Sono così belli. I tranquil⋯
 ⋯ Il corvo e il gabbiano
31% AnonimoPoesie
Mi trascino come un eremitaconsapevole di una verità mendace.Disilluso, piegato dalla fatica.Vesto una maschera di pece.Lottando contro le correnti avverse dell’esistenzaho forgiato la mia tempra, acciaio e ferro la mia sostanza.Pietà per nessuno, questa ⋯
 ⋯ Poesia dei doni
30% Jorge Luis BorgesPoesie
Ringraziare voglio il divino labirinto degli effetti e delle cause per la diversità delle creature che compongono questo singolare universo, per la ragione, che non cesserà di sognare un qualche disegno del labirinto, per il viso di Elena e la perseveranz⋯
Egon Schiele ⋯ Le infermiere
26% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Infermiere a frotte prendono la strada di casa. Protetto dai miei occhiali neri le osservo andare e ritornare. Loro sono protette dal crepuscolo. Una scia di infermiere e una scia di scorpioni. Vanno e vengono. Alle sette di sera? Alle otto di sera? A vol⋯