Gustave Doré ⋯
Il volgare siciliano si attribuisce fama superiore a tutti gli altri per queste ragioni: che tutto quanto gli Italiani producono in fatto di poesia si chiama siciliano; e che troviamo che molti maestri nativi dell’isola hanno cantato con solennità [… ] E in verità quegli uomini grandi e illuminati, Federico Cesare e il suo degno figlio Manfredi, seppero esprimere tutta la nobiltà e dirittura del loro spirito, e finché la fortuna lo permise si comportarono da veri uomini, sdegnando di vivere da bestie. Ed è per questo che quanti avevano in sé nobiltà di cuore e ricchezza di doni divini si sforzarono di rimanere a contatto con la maestà di quei grandi principi, cosicché tutto ciò che a quel tempo producevano gli Italiani più nobili d’animo vedeva dapprima la luce nella reggia di quei sovrani così insigni; e poiché sede del trono regale era la Sicilia, ne è venuto che tutto quanto i nostri predecessori hanno prodotto in volgare si chiama siciliano: ciò che anche noi teniamo per fermo, e che i nostri posteri non potranno mutare.

Crediti
 • Dante Alighieri •
 • De vulgari eloquentia •
 • Sugli uomini, sulla verità •
  • XII cap. del I libro •
 • Pinterest • Gustave Doré  • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Gustave Doré ⋯ Il ritorno dellUn gran tempio con pochi ornamenti
12% Doré GalleryVincenzo Borghini
In Dante veggo essere grandissime e bellissime parti, e le principali tutte che si richieggon a un gran Poema. Che vi sia poi qualche difettuzzo o mancamento, io non lo niego: sia dell’uomo o dell’età, non rileva a questo punto di qual sia più perfetto e ⋯
Gustave Doré ⋯ Il fariseo e il pubblicanoCognizione delle cose divine
9% Doré GalleryFrammentiGiovanni Vincenzo Gravina
Nell’origin sua la poesia è la scienza delle umane e divine cose, convertita in immagine fantastica ed armoniosa. La quale immagine noi, sopra ogn’altro poema italiano ravvisiamo vivamente nella Divina Commedia di Dante, il quale s’innalzò al sommo nell’e⋯
Gustave Doré ⋯ Gesù guarisce i malatiCome ‘l ramarro sotto la gran fersa
8% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Come ‘l ramarro sotto la gran fersa dei dì canicular, cangiando sepe, folgore par se la via attraversa, sì pareva, venendo verso l’epe de li altri due, un serpentello acceso, livido e nero come gran di pepe; e quella parte onde prima è preso nostro alimen⋯
Gustave Doré ⋯ E come ‘l volger del ciel de la luna
8% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
E come ‘l volger del ciel de la luna cuopre e discuopre i liti sanza posa, così fa di Fiorenza la Fortuna: per che non dee parer mirabil cosa ciò ch’io dirò de li alti Fiorentini onde è la fama nel tempo nascosa.
Gustave Doré ⋯ La flagellazioneCosì per entro loro schiera bruna
8% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Così per entro loro schiera bruna s’mmusa l’una con l’altra formica, forse a spïar lor via e lor fortuna.
Gustave Doré ⋯ Arrivo del samaritano alla locandaAhi quanto cauti li uomini esser dienno
7% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Ahi quanto cauti li uomini esser dienno presso a color che non veggion pur l’ovra, ma per entro i pensier miran col senno!