Identità e Differenza

E l’essere? Pensiamo l’essere secondo il suo senso iniziale, come presenza. L’essere non si presenta né casualmente, né eccezionalmente all’uomo. L’essere è, e persiste in quanto si volge con il suo appello nella direzione dell’uomo. Soltanto l’uomo, infatti, aperto per l’essere, lascia che l’essere si avvicini come presenza. Tale presenza ha bisogno di una radura luminosa e così, con questo bisogno, la sua proprietà resta trasferita all’essenza dell’uomo. Questo non vuole affatto dire che l’essere sia primariamente posto dall’uomo e soltanto da lui. Al contrario, appare chiaro come uomo ed essere siano traspropriati l’uno all’altro, appartengano l’uno all’altro. Da questo appartenersi reciprocamente, che è rimasto indeterminato, uomo ed essere hanno ricevuto originariamente quelle determinazioni essenziali attraverso cui, grazie alla filosofia, sono intesi metafisicamente. Questo prevalente di uomo ed essere, noi lo disconosciamo con ostinazione finché ci rappresentiamo tutto soltanto per mezzo di ordini e mediazioni, con o senza dialettica. In questo modo troviamo sempre soltanto collegamenti che sono stabiliti o a partire dall’essere o a partire dall’uomo e che danno di uomo ed essere l’immagine di un annodamento. Ancora non riusciamo ad introdurci nell’appartenenza. Ma come avviene un tale ingresso? Abbandonando l’atteggiamento del pensiero rappresentativo. Questo abbandono è un salto, un salto che comporta un distacco dalla rappresentazione corrente dell’uomo come animal rationale, che nell’epoca moderna è divenuto il soggetto per i suoi oggetti. Il salto si distacca in pari tempo dall’essere, l’essere che pure, sin dai primordi del pensiero occidentale, è interpretato come fondamento su cui si fonda ogni essente in quanto essente.

Crediti
 • Martin Heidegger •
 • Pinterest • Aurelio Monge  •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
482% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
 ⋯ Essente nella sua totalità
454% FilosofiaMartin Heidegger
Perché vi è, in generale, l’essente e non il nulla? Ecco la domanda. Non si tratta, presumibilmente, di una domanda qualsiasi. È chiaro che la domanda: Perché vi è, in generale, l’essente e non il nulla? è la prima di tutte le domande. Non certo la prima ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
178% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Perché le cose hanno contorni?
112% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul “contesto” in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i⋯
 ⋯ Jacob Sutton ⋯ L’identità pensiero-essere
110% FilosofiaGiovanni Romano Bacchin
Che pensare ed essere sono uno non può voler dire che l’essere viene pensato come uno con il pensiero, ma appunto in qualche modo viene “pensato”, ma che viene pensata nell’essere (=nel pensiero) questa loro identità, la quale in tanto è pensata in quanto⋯
Jean Michele Basquiat ⋯ II «lasciar-essere»
99% FilosofiaJacques Derrida
Non solo il pensiero dell’essere non è violenza etica, ma sembra che senza di esso, nessuna etica – nel senso di Levinas – possa aprirsi. Il pensiero – o almeno la pre-comprensione – dell’essere, condiziona (in un modo suo, che esclude ogni condizionalità⋯