Jean Michele Basquiat ⋯
Non solo il pensiero dell’essere non è violenza etica, ma sembra che senza di esso, nessuna etica – nel senso di Levinas – possa aprirsi. Il pensiero – o almeno la pre-comprensione – dell’essere, condiziona (in un modo suo, che esclude ogni condizionalità ontica: principî, cause, premesse, ecc.) il riconoscimento dell’essenza dell’essente (per esempio qualcuno, essente come altro, come altro sé, ecc.). Condiziona il rispetto dell’altro come ciò che è: altro. Senza questo riconoscimento, che non è una conoscenza, diciamo senza questo «lasciar essere» di un essente (altri) come esistente fuori di me nell’essenza di ciò che è (prima di tutto nella sua alterità), non sarebbe possibile alcuna etica. «Lasciar essere» è una espressione di Heidegger che non significa, come sembra credere Lévinas, lasciar-essere come «oggetto di comprensione, prima di tutto» e, nel caso di altri, come «interlocutore in secondo luogo». II «lasciar essere» riguarda tutte le forme possibili dell’essente, ed anche quelle che, per essenza, non si lasciano trasformare in «oggetti di comprensione». Se appartiene all’essenza di altri essere innanzitutto e irriducibilmente «interlocutore» e «interpellato», il lasciar essere lo lascerà essere quello che è, lo rispetterà come interlocutore-interpellato. II «lasciar-essere» non riguarda soltanto o per privilegio le cose impersonali. Lasciar-essere l’altro nella sua esistenza e nella sua essenza d’altro, significa che accede al pensiero o (e) che il pensiero accede a ciò che è essenza e a ciò che è esistenza; e a ciò che è l’essere che ambedue presuppongono. Senza ciò non sarebbe possibile alcun lasciar-essere e prima di tutto quello del rispetto e del comandamento etico che si rivolge alla libertà. La violenza regnerebbe a tal punto che non potrebbe nemmeno più manifestarsi e avere un nome.

Crediti
 • Jacques Derrida •
 • Violence et métaphysique •
 • Pinterest • Jean Michele Basquiat  •  •

Similari
Il caso Nietzsche
840% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Essente nella sua totalità
529% FilosofiaMartin Heidegger
Perché vi è, in generale, l’essente e non il nulla? Ecco la domanda. Non si tratta, presumibilmente, di una domanda qualsiasi. È chiaro che la domanda: “Perché vi è, in generale, l’essente e non il nulla?” è la prima di tutte le domande. Non certo la prim⋯
Sapere di non essere
428% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il mercantile
309% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
289% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯