Il battere degli occhi

Chi va a morire per la sua patria ha superato l’illusione che l’esistenza si limiti alla propria persona: egli la estende alla massa di uomini della sua patria (e con ciò alla specie), massa nella quale (come nella specie) continua a vivere. Considerando la morte come il battere degli occhi, che non interrompe la vista, egli riconosce sé stesso nelle generazioni future e sa che, sacrificandosi per esse, opera per sé. La stessa cosa, propriamente parlando, avviene in ogni sacrificio che si fa per gli altri: si estende la propria esistenza alla specie, – anche se soltanto per la parte di essa che in quel momento si ha dinanzi agli occhi.

Crediti
 Arthur Schopenhauer
 Scritti postumi
 Pinterest •   • 




Quotes per Arthur Schopenhauer

Perché sono così taciturno? Più parlano quelli che mi circondano, meno mi viene voglia di dire qualcosa. Pochissimi sono in grado di pensare, ma tutti vogliono avere delle opinioni. Non esiste alcuna opinione, per quanto assurda, che gli uomini non facciano facilmente propria non appena li si abbia persuasi che essa è accettata universalmente.  L'arte di ottenere ragione

Quando, osservando un vasto panorama, mi rendo conto che si forma in quanto le funzioni del mio cervello–tempo, spazio e causalità–vengono applicate a certe macchie che sono sorte sulla mia retina, allora sento che quel panorama lo porto dentro di me, e in quel momento l'identità fra la mia essenza e l'intero mondo esterno mi diventa più che mai tangibile.  L'arte di invecchiare

Il bisogno di società, che scaturisce dal vuoto e dalla monotonia della propria interiorità, spinge gli uomini l'uno verso l'altro; le loro molteplici repellenti qualità e i loro difetti insopportabili, però, li respingono di nuovo l'uno lontano dall'altro. La distanza media, che essi riescono finalmente a trovare e grazie alla quale è possibile una coesistenza, si trova nella cortesia e nelle buone maniere.  Parerga e paralipomena

Si può paragonare la società a un fuoco, con cui il saggio si riscalda, a debita distanza, senza peraltro giungere a toccarlo, come ha fatto lo stolto, il quale, dopo essersi bruciato, fugge nel freddo della solitudine, e si lamenta perchè il fuoco brucia.

Ma sanno, anche, i signori che cosa sta accadendo? È cominciata un'epoca da gran tempo profetizzata: la Chiesa vacilla, vacilla così fortemente, che ci si domanda se potrà ritrovare l'equilibrio: giacché la fede è andata perduta. Con la luce della rivelazione accade infatti come con altre luci: la sua condizione è una certa oscurità.