Il concetto di relazione
Ebbene, a noi sembra che il punto più significativo, che possa venire espresso mediante il discorso, sia la consapevolezza della necessità dell’atto mediante cui non già l’unità pone la dualità, ma, al contrario, la dualità si toglie nell’unità. L’atto, a sua volta, può venire inteso come quell’intenzione di verità che anima qualunque discorso e qualunque ricerca e che nella verità intende togliersi, onde eliminare ogni distanza dal vero.
L’ablatio alteritatis, a nostro giudizio, è l’autentico atto che restituisce l’emergenza dell’uno, senza con ciò determinarlo, ma determinando soltanto la necessità del suo emergere. Tale atto essenzializza la via ascendente, l’unica intellegibile perché nell’intellegibile essa intende compiersi. L’atto di cui parliamo è, dunque, il togliersi del determinato: non un atto tetico, insomma, ma un atto ablativo, che non poggia sulla differenza, ma che, togliendola, la invera.
In virtù dell’ablatio alteritatis la fattualità, che coincide con la molteplicità, si supera e l’atto, emergendo oltre il fattuale, restituisce l’assoluto e la vera innegabilità. L’assoluto, infatti, non è innegabile perché resiste alla negazione, ma perché non è alla sua portata.

Crediti
 • Aldo Stella •
 • La struttura originaria •
  • Il concetto di relazione •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
313% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Perché le cose hanno contorni?
88% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul “contesto” in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i⋯

 ⋯ Artaud: scrittura/figura
67% Autori VariFilosofia
Parola e verità – L’aspra salita cuore e labbro ha inaridito, pure ecco infine il dolce premio: sei riuscito! Del vero il tempio s’erge in sacro sito. Ma dal buio urla una voce: fatti indietro! Qui non riesce a penetrare alcun mortale: un gigante, il Verb⋯

Robert Doisnau ⋯ La chiacchiera come resistenza
64% ArticoliFilosofiaFrancesco Lamendola
Molte persone passano gran parte della loro vita sociale a parlare di cose insignificanti o, peggio, a sentenziare intorno a cose estremamente serie, ma senza alcuna serietà: così, solo per sentire il suono della propria voce e per essere confortate dal c⋯

 ⋯ Filosofia e rivoluzione: il testo, il contesto e la trama
60% ArticoliFilosofiaRaimon Panikkar
“Philosophy and Revolution: the Text, the Context and the Texture” è un articolo che Panikkar ha pubblicato nel luglio del 1973 sulla rivista di studi interculturali «Philosophy East and West», vol. 23, n° 3, pp. 315-322. Mai apparso in traduzione italian⋯

 ⋯ L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica
59% ArticoliFilosofiaWalter Benjamin
In linea di principio, l’opera d’arte è sempre stata riproducibile. Una cosa fatta dagli uomini ha sempre potuto essere rifatta da uomini. Simili riproduzioni venivano realizzate dagli allievi per esercitarsi nell’arte, dai maestri per diffondere le opere⋯