⋯
Ebbene, a noi sembra che il punto più significativo, che possa venire espresso mediante il discorso, sia la consapevolezza della necessità dell’atto mediante cui non già l’unità pone la dualità, ma, al contrario, la dualità si toglie nell’unità. L’atto, a sua volta, può venire inteso come quell’intenzione di verità che anima qualunque discorso e qualunque ricerca e che nella verità intende togliersi, onde eliminare ogni distanza dal vero.
L’ablatio alteritatis, a nostro giudizio, è l’autentico atto che restituisce l’emergenza dell’uno, senza con ciò determinarlo, ma determinando soltanto la necessità del suo emergere. Tale atto essenzializza la via ascendente, l’unica intellegibile perché nell’intellegibile essa intende compiersi. L’atto di cui parliamo è, dunque, il togliersi del determinato: non un atto tetico, insomma, ma un atto ablativo, che non poggia sulla differenza, ma che, togliendola, la invera.
In virtù dell’ablatio alteritatis la fattualità, che coincide con la molteplicità, si supera e l’atto, emergendo oltre il fattuale, restituisce l’assoluto e la vera innegabilità. L’assoluto, infatti, non è innegabile perché resiste alla negazione, ma perché non è alla sua portata.

Crediti
 • Aldo Stella •
 • La struttura originaria •
  • Il concetto di relazione •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
497% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
202% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
185% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Il pensiero eterocentrico
178% ArticoliMonique WittigSocietà
Negli ultimi venti anni, il linguaggio ha dominato i sistemi teorici e le scienze umanistiche, penetrando così, nelle discussioni politiche dei movimenti delle lesbiche e di liberazione delle donne. Si tratta di un campo politico importante, in cui entra ⋯
La scrittura delle donne
173% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯