⋯
Mi trascino come un eremita
consapevole di una verità mendace.
Disilluso, piegato dalla fatica.
Vesto una maschera di pece.

Lottando contro le correnti avverse dell’esistenza
ho forgiato la mia tempra, acciaio e ferro la mia sostanza.
Pietà per nessuno, questa la mia regola morale.
È un fuoco epuratore, ma freddo, come pietra tombale.

Piove, e volgo lo sguardo verso il cielo:
Sono soffocato dal mio orgoglio,
ma oggi, celando le mie lacrime posso piangere,
per sfogare il mio dolore.

Sono privo di vincoli,
ma se questa è libertà,
non è altro che piena solitudine.
Dolce, unico conforto, unica certezza:
Il profumo dell’acqua, l’odore di salsedine
Sottile e pungente nella brezza.

Buongiorno, caro Amico! Ti sono venuto a trovare!
Nei giorni di pace non ti vengo a cercare:
sei dei bambini, e del gioco!
Appartieni agli amanti, al cielo azzurro e al Sole…

Ma oggi…oggi sei mio! Mio soltanto!
Mio da guardare, toccare, accarezzare, assaporare!
Sei del ricordo e del rimpianto,
sei della Pioggia che riempie l’aria plumbea, dal grigio manto!

In questo delirio mi trascino,
avvolto in questa nebbia, una cortina di disperazione.
Mi allontano dalla stazione
e mi dirigo verso il molo ameno,
casa del Faro Solitario.

E dai picchi degli scogli, consumati incessantemente dalle onde,
osservo:

A sinistra la calma del ponte,
lo sciabordio leggero
dell’acqua sullo scafo del veliero.

Oh, Volatile d’Avorio!
Anima in equilibrio in questo vento contrario,
Parlami, ti prego! Almeno tu, Sii sincero!
È forse vero, o è leggenda del girovago marinaio menzognero,
che alla morte vai, in cerca della spiaggia natìa,
per ascoltar del mare un’ultima volta la poesia?

E allora pensavo:

L’infrangersi dell’acqua su questi duri sassi
è come il canto della madre quando muoviamo i primi passi.
Quando le forbici del destino recideranno
il filo della mia vita, liberandomi da questo Affanno
voglio essere come il Gabbiano, adagiarmi sulla spiaggia,
e morire ascoltando la voce soave che aleggia
dal Mare, che mi reclama e mi corteggia.

A destra l’agitazione e la tempesta
la burrasca e l’Infinito
rabbia tangibile, incarnata.
Ruggito!

Ah, Volatile di Pece!
Ombra nera che si libra nel cielo,
sussurra alla mia mente parole di odio e di gelo!
Non voglio Pace! Rimuovi questo Velo, non farmi adagiare:
Non voglio requie, non voglio riposare!
Non ti cibi forse tu della carcassa del Gabbiano che cerca conforto nel mare?

E allora pensavo:

L’infrangersi dell’acqua su queste fragili rocce
è come il litigio col padre, martello che riduce le ossa in brecce.
Quando il pensiero del perdono si farà strada nel mio cuore,
la voglia di serenità, la voglia d’amore,
voglio essere come il Corvo!
Indomabile aura di terrore, occhi di vetro, Spirito Vendicativo!
Flagello dei nemici, Odio disgregativo!

Crediti
 • Anonimo •
 • The raven and the seagull •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯Panta Rei
53% AnonimoPercorsi
Diceva Eraclito, più di duemila anni fa, che non ci si bagna mai due volte nella stessa acqua di un fiume. Dicevano i Greci, sempre più di duemila anni fa, che l’adunaton, l’impossibile per eccellenza, è che ciò che è avvenuto possa non essere avvenuto. O⋯
⋯  ⋯Il Burro di Marijuana
45% AnonimoSingoli
“Colui che non sa fare niente da sè è il consumatore perfetto” Mettere a scaldare l’acqua nella pentola senza mai raggiungere il bollore (80° circa). Immergere nell’acqua il burro e lasciarlo sciogliere. A questo punto aggiungere la canapa e cominciare a ⋯
⋯  ⋯È nata una nuova ideologia
42% AnonimoSocietà
Un cadavere si aggira per il mondo. Il cadavere dell’ideologia. Laddove la teoria è l’insieme organico delle idee possedute da un individuo, per ideologia si può intendere l’insieme di idee che possiedono un individuo. E le idee che costituiscono una ideo⋯
Egon Schiele ⋯ Valorizza quello che puoi dare
38% AnonimoSchiele Art
Umano, vedo che stai piangendo perché è arrivato il mio momento. Non piangere, per favore, ti voglio spiegare alcune cose. Tu sei triste perché me ne sono andato, ma io invece sono felice perché ti ho conosciuto. Quanti come me ogni giorno muoiono senza a⋯
⋯  ⋯Che l’America sia di nuovo America
34% Langston HughesPoesie
Che l’America sia di nuovo America. Che torni a essere il sogno che era. Che sia il pioniere nella prateria Che cerca una casa dove essere libero. (L’America non è mai stata America per me.) Che l’America sia il sogno che i sognatori hanno sognato – Che s⋯
Egon Schiele ⋯ Crouching Nude GirlSilenziosa luna
28% Giacomo LeopardiPoesieSchiele Art
Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna? Sorgi la sera, e vai, Contemplando i deserti; indi ti posi. Ancor non sei tu paga Di riandare i sempiterni calli? Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Di mirar queste valli? Somiglia alla tu⋯